Differenze tra le versioni di "Torcitura"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: fix citazione web (v. discussione))
La '''torcitura''' è una lavorazione che viene praticata nella produzione dei [[filato|filati]]. È una fase fondamentale della [[filatura]], conferisce coesione e resistenza al filo grazie alla torsione<ref>[http://www.treccani.it/vocabolario/torcitura/ Torcitura in Vocabolario – Treccani<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>.
 
Per trasformare una massa di fibre in un filato l'operazione indispensabile è la torcitura<ref>http://www.relisys.it/Anno1/1_UD15_Filati%20e%20tessuti.pdf</ref>.Il '''filato''' è il prodotto derivato dall'unione di una grande quantità di fibre tessili che, generalmente, presenta caratteristiche di sofficità a differenza del '''filo''' che è sottile, di lunghezza teoricamente illimitata, formato da una o più bave di [[seta]] o di [[tecnofibre|fibre sintetiche o artificiali]].
Il '''filato''' è il prodotto derivato dall'unione di una grande quantità di fibre tessili che, generalmente, presenta caratteristiche di sofficità a differenza del '''filo''' che è sottile, di lunghezza teoricamente illimitata, formato da una o più bave di [[seta]] o di [[tecnofibre|fibre sintetiche o artificiali]].
 
Ma anche quando la materia di partenza è il ''filo continuo'', ad esempio per le fibre naturali la seta è indispensabile passare dalla fase di torcitura perché la torsione riesce a conferisce una maggiore coesione. Aumenta così la resistenza del filo e viene impedita la separazione delle bavelle.
Utente anonimo