Differenze tra le versioni di "Toxoplasmosi"

template citazione; rinomina/fix nomi parametri; rimuovo link da parametro formato
(template citazione; rinomina/fix nomi parametri; rimuovo link da parametro formato)
La principale forma di prevenzione consiste nel preparare e cuocere adeguatamente gli alimenti. Si raccomanda inoltre che le donne in gravidanza non puliscano le cucce dei gatti.<ref name=CDC2015Pre>{{Cita web|titolo=Parasites - Toxoplasmosis (Toxoplasma infection) Prevention & Control|url=http://www.cdc.gov/parasites/toxoplasmosis/prevent.html|accesso=22 agosto 2015|data=10 gennaio 2013}}</ref> Nelle persone altrimenti sane, non è solitamente necessario alcun trattamento. Durante la gravidanza, possono essere prescritti la [[spiramicina]] o la [[pirimetamina]]/[[sulfadiazina]] e l'[[Acido folico|acido folinico]].<ref name=CDC2014Tx>{{Cita web|titolo=Parasites - Toxoplasmosis (Toxoplasma infection) Resources for Health Professionals|url=http://www.cdc.gov/parasites/toxoplasmosis/health_professionals/index.html#tx|accesso=22 agosto 2015|data=14 aprile 2014}}</ref>
 
Fino a metà della popolazione mondiale è infettatta da toxoplasmosi, ma risulta asintomatica.<ref name="Global threat">{{Cita pubblicazione| vauthors coautori= Flegr J, Prandota J, Sovičková M, Israili ZH |titolo= Toxoplasmosis--a global threat. Correlation of latent toxoplasmosis with specific disease burden in a set of 88 countries |rivista= PLoS ONE |volume= 9 |numero= 3 |pp= e90203 |data= March 2014 | pmid = 24662942 | pmc = 3963851 | doi = 10.1371/journal.pone.0090203 |citazione= Toxoplasmosis is becoming a global health hazard as it infects 30-50% of the world human population.}}</ref> Negli [[Stati Uniti]], circa il 23% della popolazione ha il parassita,<ref name="JonesPariseFiore2014">{{Cita pubblicazione| vauthors coautori= Jones JL, Parise ME, Fiore AE |titolo= Neglected parasitic infections in the United States: toxoplasmosis |rivista= Am. J. Trop. Med. Hyg. |volume= 90 |numero= 5 |pp= 794–9 |anno= 2014 | pmid = 24808246 | pmc = 4015566 | doi = 10.4269/ajtmh.13-0722 }}</ref> un dato che in alcune zone del mondo arriva fino al 95%.<ref name=CDC2015Epi/> Circa 200.000 casi di toxoplasmosi congenita si verificano ogni anno.<ref>{{Cita pubblicazione|cognome1=Torgerson|nome1=PR|cognome2=Mastroiacovo|nome2=P|titolo=The global burden of congenital toxoplasmosis: a systematic review.|rivista=Bulletin of the World Health Organization|data=1º luglio 2013|volume=91|numero=7|pp=501–8|pmid=23825877|doi=10.2471/blt.12.111732}}</ref> Il parassita è stato descritto per la prima volta nel 1908 da [[Charles Nicolle]] e [[Louis Manceaux]]. Nel 1941, la trasmissione durante la gravidanza, da madre a bambino, è stato confermata.<ref name=Ferguson_2009>{{Cita pubblicazione|autore= Ferguson DJ |titolo= Toxoplasma gondii: 1908-2008, homage to Nicolle, Manceaux and Splendore |rivista= Memórias Do Instituto Oswaldo Cruz |volume= 104 |numero= 2 |pp= 133–48 |anno= 2009 | pmid = 19430635 | doi = 10.1590/S0074-02762009000200003}}</ref>
 
== Epidemiologia ==
Grazie alla sua natura asintomatica,<ref name=Dupont_2012 /><ref name=Dubey2008>{{Cita pubblicazione|autore= Dubey JP, Jones JL |titolo= Toxoplasma gondii infection in humans and animals in the United States |rivista= International Journal for Parasitology |volume= 38 |numero= 11 |pp= 1257–78 |data= September 2008 | pmid = 18508057 | doi = 10.1016/j.ijpara.2008.03.007 }}</ref> è facile per un ospite per essere infettato dal ''Toxoplasma gondii'' e sviluppare la toxoplasmosi senza saperlo. Anche se lievi sintomi simil-influenzali, di tanto in tanto, si possono verificano durante le prime settimane dopo l'esposizione, l'infezione da ''T. gondii'' non produce segni e sintomi facilmente osservabili negli adulti sani.<ref name="Global threat" /><ref name=CDCdisease>{{Cita web|titolo=CDC Parasites – Toxoplasmosis (Toxoplasma infection) – Disease|url=http://www.cdc.gov/parasites/toxoplasmosis/disease.html|accesso=12 marzo 2013}}</ref> Nella maggior parte delle persone con un sistema immunitario sano, l'infezione entra in una fase latente, durante il quale sono presenti solo bradizoiti ([[Ciste (microbiologia)|cisti]] di [[tessuto]]).<ref name="Dubey_2006">{{Cita pubblicazione|autore= Dubey JP, Hodgin EC, Hamir AN |titolo= Acute fatal toxoplasmosis in squirrels (Sciurus carolensis) with bradyzoites in visceral tissues |rivista= The Journal of Parasitology |volume= 92 |numero= 3 |pp= 658–9 |anno= 2006 | pmid = 16884019 | doi = 10.1645/GE-749R.1 }}</ref> Queste cisti tissutali, oltre a lesioni, possono verificarsi sulla [[retina]], sul rivestimento alveolare dei polmoni (dove un'infezione acuta può mimare un'infezione da ''[[Pneumocystis jirovecii]]''), nel [[cuore]], nei muscoli scheletrici e nel [[sistema nervoso centrale]] (SNC), compreso il [[cervello]].<ref name="Nawaz Khan_2015">{{Cita pubblicazione|autore= Nawaz Khan, A |titolo= Imaging in CNS Toxoplasmosis |rivista= Medscape web site |url=http://emedicine.medscape.com/article/344706-overview. |anno= 2015 }}</ref> Le cisti si formano nel sistema nervoso centrale al momento della infezione da ''T. gondii'' e persistono per tutta la vita dell'ospite.<ref name="TG CNS review" /> La maggior parte dei bambini che sono infettati nell'[[utero]], non presentano sintomi alla nascita, ma possono svilupparli più tardi nella vita.<ref name="futurepundit.com">Randall Parker: [http://www.futurepundit.com/archives/001675.html Humans Get Personality Altering Infections From Cats]. September 30, 2003</ref>
 
Studi sierologici hanno stimato che il 30%-50% della popolazione mondiale è stata esposta al parassita e può essere cronicamente affetta da toxoplasmosi latente, anche se i tassi di infezione differiscono in modo significativo da un paese all'altro.<ref name="Global threat"/><ref name="TG Neuronal review" /><ref name=Pappas2009>{{Cita pubblicazione|cognome=Pappas|nome=G|autore2=Roussos, N |autore3=Falagas, ME |titolo=Toxoplasmosis snapshots: global status of Toxoplasma gondii seroprevalence and implications for pregnancy and congenital toxoplasmosis.|rivista=International Journal for Parasitology|data=October 2009|volume=39|numero=12|pp=1385–94|pmid=19433092|doi=10.1016/j.ijpara.2009.04.003}}</ref> Questo stato latente di infezione è stato recentemente correlato con numerose malattie,<ref name="Global threat" /> alterazioni neuronali<ref name="TG CNS review">{{Cita pubblicazione| vauthors coautori= Blanchard N, Dunay IR, Schlüter D |titolo= Persistence of Toxoplasma gondii in the central nervous system: a fine-tuned balance between the parasite, the brain and the immune system |rivista= Parasite Immunol. |volume= 37 |numero= 3 |pp= 150–158 |anno= 2015 | pmid = 25573476 | doi = 10.1111/pim.12173}}</ref><ref name="TG Neuronal review">{{Cita pubblicazione| vauthors coautori= Parlog A, Schlüter D, Dunay IR |titolo= Toxoplasma gondii-induced neuronal alterations |rivista= Parasite Immunol. |volume= 37 |numero= 3 |pp= 159–170 |data= March 2015 | pmid = 25376390 | doi = 10.1111/pim.12157}}</ref> e cambiamenti comportamentali.<ref name="Cook2015 primary source">{{Cita pubblicazione|vauthorscoautori=Cook TB, Brenner LA, Cloninger CR, etal |titolo="Latent" infection with Toxoplasma gondii: association with trait aggression and impulsivity in healthy adults |rivista= J Psychiatr Res |volume= 60 |pp= 87–94 |anno= 2015 | pmid = 25306262 | doi = 10.1016/j.jpsychires.2014.09.019 }}</ref><ref name="TG behavioral effects review">{{Cita pubblicazione| vauthors coautori= Hurley RA, Taber KH |titolo= Latent Toxoplasmosis gondii: emerging evidence for influences on neuropsychiatric disorders |rivista= J Neuropsychiatry Clin Neurosci |volume= 24 |numero= 4 |pp= 376–83 |anno= 2012 | pmid = 23224444 | doi = 10.1176/appi.neuropsych.12100234}}</ref>
 
=== Toxoplasmosi cutanea ===
Quando a una donna incinta viene diagnosticata la toxoplasmosi acuta, l'[[amniocentesi]] può essere utilizzata per determinare se il feto è stato infettato o meno. I tachizoiti hanno approssimativamente una probabilità del 30% di entrare nel tessuto placentare e da lì infettare il feto. Con l'aumento dell'età gestazionale al momento della infezione, aumenta anche la probabilità di infezione fetale.<ref name="Robert-GangneuxDarde2012">{{Cita pubblicazione|cognome1=Robert-Gangneux|nome1=F.|cognome2=Darde|nome2=M.-L.|titolo=Epidemiology of and Diagnostic Strategies for Toxoplasmosis|rivista=Clinical Microbiology Reviews|volume=25|numero=2|anno=2012|pp=264–296|issn=0893-8512|doi=10.1128/CMR.05013-11|pmid=22491772}}</ref>
 
Se il parassita non ha ancora raggiunto il feto, la [[spiramicina]] può aiutare a prevenire la trasmissione placentare. Se il feto è stato infettato, la madre può essere trattata, dopo il primo trimestre, con [[pirimetamina]] e [[sulfadiazina]] con l'aggiunta di [[acido folico|acido folinico]]. Questo trattamento viene somministrato dopo il primo trimestre e con l'acido folinico poiché la pirimetamina ha un effetto antifolico e la mancanza di questo acido può interferire con la formazione del [[cervello]] del feto e causare [[trombocitopenia]].<ref name="JonesLopez2003">{{Cita pubblicazione|vauthorscoautori=Jones J, Lopez A, Wilson M |titolo=Congenital toxoplasmosis |rivista=Am Fam Physician |volume=67 |numero=10 |pp=2131–8 |anno=2003 |pmid=12776962 }}</ref> L'infezione nelle precedenti fasi della gestazione è correlata con peggiori esiti fetali e neonatali, in particolare quando l'infezione non viene trattata.<ref name="McLeod,etc,2009">{{Cita pubblicazione|vauthorscoautori=McLeod R, Kieffer F, Sautter M, Hosten T, Pelloux H |titolo=Why prevent, diagnose and treat congenital toxoplasmosis? |rivista=Mem. Inst. Oswaldo Cruz |volume=104 |numero=2 |pp=320–44 |anno=2009 |pmid=19430661 |pmc=2735102 |doi= 10.1590/s0074-02762009000200029}}</ref>
 
== La toxoplasmosi del cane ==
527 106

contributi