Differenze tra le versioni di "Crema inglese"

m
nessun oggetto della modifica
m
Affine alla [[crema pasticcera]], di cui è una variante, la '''crema inglese''' si utilizza prevalentemente come salsa calda da accompagnare ai dolci a temperatura ambiente, oppure come preparazione base per realizzare [[Charlotte (dessert)|charlotte]] e [[crema bavarese|bavaresi]].<ref name="cibo360">{{cita web|url=http://www.cibo360.it/cucina/scuola/fai_da_te/crema_inglese.htm|titolo=Crema inglese|sito=cibo360.it|accesso=16 giugno 2014}}</ref>
 
Si tratta, sostanzialmente, di una [[crema (gastronomia)|crema]] senza farina, che resta vellutata e meno densa di una normale crema pasticcera, adatta appunto ad essere una salsa da [[condimento]] e non una [[farcitura]].<ref>{{cita libro|autore=Ermanno Cicciarelli|titolo=I miei appunti di pasticceria|editore=Youcanprint|anno=2013|pagina=64|url=http://books.google.it/books?id=2rsCAwAAQBAJ&pg=PA64&dq=crema+inglese&hl=it&sa=X&ei=3AmfU_-7POuS0QWL7YH4Cw&ved=0CDIQ6AEwAg#v=onepage&q=crema%20inglese&f=false}}</ref>
L'effetto di addensamento della crema è dovuto ai [[Tuorlo|tuorli]] d'uovo, cotti ad una temperatura non superiore agli 82-85 °C, detta anche "cottura alla rosa".
 
1

contributo