Differenze tra le versioni di "Toxoplasmosi"

template citazione; rinominato parametro pagine a pp; rimuovo link da parametro formato
(template citazione; rinomina/fix nomi parametri; rimuovo link da parametro formato)
(template citazione; rinominato parametro pagine a pp; rimuovo link da parametro formato)
La coabitazione tra gatti e uomo non è un fattore di rischio importante per l'infezione di Toxoplasma, in quanto il gatto elimina le ovocisti solo per 1-2 settimane in seguito all'infezione, e le stesse non sono ancora infettanti, poiché sporulano nel terreno nell'arco di 1-5 giorni; quindi con una regolare pulizia della lettiera e dell'ambiente si annulla il rischio<ref>M.A. Taylor, R.L Coop, R.L. Wall, ''Parassitologia e Malattie Parassitarie degli Animali'', EMSI, Roma 2010</ref>. Molto più pericoloso, è cibarsi di carni crude o poco cotte (specie di agnello e suino), di insaccati, di verdure lavate male o di latticini non pastorizzati<ref>{{cita web|url=http://www.bmj.com/content/321/7254/127.full|titolo=Sources of Toxoplasma gondii infection in pregnancy|accesso=27 settembre 2011}}</ref>.
 
Nell'uomo la toxoplasmosi può manifestarsi in forma acquisita o connatale. L'infezione può causare [[schizofrenia]].<ref name="Flegr-2013">{{Cita pubblicazione | cognome = Flegr | nome = J. | titolo = Influence of latent Toxoplasma infection on human personality, physiology and morphology: pros and cons of the Toxoplasma-human model in studying the manipulation hypothesis. | rivista = J Exp Biol | volume = 216 | numero = Pt 1 | paginepp = 127-33 | mese=gennaio| anno = 2013 | doi = 10.1242/jeb.073635 | pmid = 23225875 |url=http://jeb.biologists.org/content/216/1/127.full.pdf+html}}</ref><ref name="Webster-2013">{{Cita pubblicazione | cognome = Webster | nome = JP. |coautori= M. Kaushik; GC. Bristow; GA. McConkey | titolo = Toxoplasma gondii infection, from predation to schizophrenia: can animal behaviour help us understand human behaviour? | rivista = J Exp Biol | volume = 216 | numero = Pt 1 | paginepp = 99-112 | mese=gennaio| anno = 2013 | doi = 10.1242/jeb.074716 | pmid = 23225872 }}</ref>
 
== Segni e sintomi ==
527 140

contributi