Apri il menu principale

Modifiche

template citazione; rinominato parametro pagine a pp; rinominato parametro pagine a p
== Usi clinici ==
L'atenololo viene utilizzato per il trattamento dell'[[ipertensione]] e di alcune aritmie cardiache, ad esempio in caso di [[tachicardia]].<br>
Il farmaco può essere somministrato a soggetti affetti da [[ipertiroidismo]] e/o [[tireotossicosi]] in quanto efficace nel mascherare i segni e sintomi di queste condizioni, come ad esempio la [[tachicardia]]. I [[betabloccanti]] infatti riducono gli effetti degli ormoni tiroidei sui tessuti periferici migliorando i sintomi propri della tireotossicosi quali [[Tremore|tremori]], [[palpitazioni]] e [[nervosismo]].<ref name="pmid21510801">{{Cita pubblicazione | cognome = Bahn Chair | nome = RS. | coautori = HB. Burch; DS. Cooper; JR. Garber; MC. Greenlee; I. Klein; P. Laurberg; IR. McDougall; VM. Montori; SA. Rivkees; DS. Ross | titolo = Hyperthyroidism and other causes of thyrotoxicosis: management guidelines of the American Thyroid Association and American Association of Clinical Endocrinologists. | rivista = Thyroid | volume = 21 | numero = 6 | paginepp = 593-646 | mese = Giu | anno = 2011 | doi = 10.1089/thy.2010.0417 | pmid = 21510801 }}</ref><ref name="pmid1352658">{{Cita pubblicazione | cognome = Geffner | nome = DL. | coautori = JM. Hershman | titolo = Beta-adrenergic blockade for the treatment of hyperthyroidism. | rivista = Am J Med | volume = 93 | numero = 1 | paginepp = 61-8 | mese = Lug | anno = 1992 | pmid = 1352658 }}</ref><br>
=== Off-label ===
La molecola trova anche indicazione nella profilassi dell'[[emicrania]],<ref name="pmid22529202">{{Cita pubblicazione | cognome = Silberstein | nome = SD. | coautori = S. Holland; F. Freitag; DW. Dodick; C. Argoff; E. Ashman | titolo = Evidence-based guideline update: pharmacologic treatment for episodic migraine prevention in adults: report of the Quality Standards Subcommittee of the American Academy of Neurology and the American Headache Society. | rivista = Neurology | volume = 78 | numero = 17 | paginepp = 1337-45 | mese = Apr | anno = 2012 | doi = 10.1212/WNL.0b013e3182535d20 | pmid = 22529202 }}</ref> nel trattamento di soggetti con astinenza alcolica (in genere in associazione a benzodiazepine),<ref name="pmid2863754">{{Cita pubblicazione | cognome = Kraus | nome = ML. | coautori = LD. Gottlieb; RI. Horwitz; M. Anscher | titolo = Randomized clinical trial of atenolol in patients with alcohol withdrawal. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 15 | paginepp = 905-9 | mese = Ott | anno = 1985 | doi = 10.1056/NEJM198510103131501 | pmid = 2863754 }}</ref> e nelle aritmie sopraventricolari e ventricolari.
 
== Effetti collaterali ==
In corso di trattamento si sono registrati disturbi gastrointestinali ([[dispepsia]], [[secchezza delle fauci]], [[nausea]], [[diarrea]], [[costipazione]]), epatobiliari (incremento di [[Aspartato transaminasi|AST]] ed [[Alanina transaminasi|ALT]], meno frequentemente [[epatite]] colestatica)<ref name="pmid2773903">{{Cita pubblicazione | cognome = Schwartz | nome = MS. | coautori = MS. Frank; A. Yanoff; R. Morecki | titolo = Atenolol-associated cholestasis. | rivista = Am J Gastroenterol | volume = 84 | numero = 9 | paginepp = 1084-6 | mese = Set | anno = 1989 | pmid = 2773903 }}</ref><ref name="pmid7603264">{{Cita pubblicazione | cognome = Yusuf | nome = SW. | coautori = RM. Mishra | titolo = Hepatic dysfunction associated with atenolol. | rivista = Lancet | volume = 346 | numero = 8968 | paginep = 192 | mese = Lug | anno = 1995 | pmid = 7603264 }}</ref> e a carico dell'apparato cardiovascolare (in particolare [[bradicardia]], [[ipotensione ortostatica]] talvolta associata a [[Sincope (medicina)|sincope]], sensazione di freddo intenso a mani e piedi).
Nei soggetti affetti da [[insufficienza cardiaca]] il farmaco può peggiorare la funzionalità del [[miocardio]] mentre in quelli affetti da angina di [[Prinzmetal]] può aumentare il numero e la durata delle crisi anginose tramite [[vasocostrizione]] arteriosa coronarica mediata dagli [[alfa recettori]].
Nei pazienti con storia di disturbi della circolazione periferica (ad esempio una [[arteriopatia obliterante periferica]]) atenololo può comportare un peggioramento dei sintomi. La riduzione dell'output cardiaco indotto dal farmaco tende infatti ad aumentare la stimolazione dei [[Recettore (biochimica)|recettori]] alfa adrenergici esasperando la sintomatologia. Può così comparire o peggiorare una preesistente [[sindrome di Raynaud]] o verificarsi una [[claudicatio intermittens]].
In soggetti particolarmente sensibili il β-bloccante può aggravare un [[blocco atrioventricolare]] di 1º grado, a causa dell'effetto negativo sul tempo di conduzione (ovvero dell'effetto bradicardizzante). Il farmaco è invece controindicato nei pazienti con blocco atrioventricolare più severo (grado 2 e 3).<br>
I disturbi a carico del sistema nervoso comprendono affaticamento, [[insonnia]], [[Vertigine (medicina)|vertigini]], [[letargia]], [[confusione mentale]], depressione del tono dell'umore, [[cefalea]], [[allucinazioni]] e incubi notturni.<ref name="pmid4054193">{{Cita pubblicazione | cognome = Cove-Smith | nome = JR. | coautori = CA. Kirk | titolo = CNS-related side-effects with metoprolol and atenolol. | rivista = Eur J Clin Pharmacol | volume = 28 Suppl | paginepp = 69-72 | anno = 1985 | pmid = 4054193 }}</ref>
Altri effetti avversi comprendono l'[[impotenza]], [[malattia di La Peyronie]], positività per gli [[anticorpi antinucleo]] (ANA).
 
* Sali di alluminio, sali di calcio, [[ampicillina]]: la terapia di associazione con atenololo può incrementare i livelli plasmatici e gli effetti farmacologici del β-bloccante.
* Farmaci [[anestetici]]: la co-somministrazione di anestetici generali con azione [[Inotropismo|inotropa]] negativa in soggetti in trattamento con atenololo può indurre [[ipotensione]] protratta e ostacolare una ripresa normale del ritmo cardiaco.
* [[Epinefrina]] (noradrenalina): in letteratura medica è segnalata una potenziale grave interazione tra β-bloccante ed epinefrina, caratterizzata da marcata ipertensione arteriosa e bradicardia.<ref name="pmid2910169">{{Cita pubblicazione | cognome = Gandy | nome = W. | titolo = Severe epinephrine-propranolol interaction. | rivista = Ann Emerg Med | volume = 18 | numero = 1 | paginepp = 98-9 | mese = Gen | anno = 1989 | pmid = 2910169 }}</ref>
 
== Gravidanza e allattamento ==
Le sperimentazioni di farmaco-tossicologia animale non hanno evidenziato effetti teratogeni attribuibili all'atenololo. Ciò nonostante la somministrazione di atenololo in donne in stato di gravidanza richiede un'attenta valutazione del rapporto rischio/beneficio. Il farmaco attraversa infatti la barriera placentare e si sono riscontrati livelli ematici nel cordone ombelicale. Sembra inoltre che l'assunzione del farmaco da parte della madre sia associata a ridotto peso alla nascita e a possibile bradicardia.
La [[Food and Drug Administration]] (FDA) ha inserito l'atenololo nella classe D per l'uso in gravidanza. In questa classe sono inseriti i farmaci in cui studi, adeguati e ben controllati o di tipo osservazionale, su donne in gravidanza hanno dimostrato un rischio per il feto.<ref>{{Cita web | autore= Onyeka Otugo |coautori= Olabode Ogundare, Christopher Vaughan, Emmanuel Fadiran, Leyla Sahin | titolo = Consistency of Pregnancy Labeling Across Different Therapeutic Classes | url = http://www.fda.gov/downloads/ScienceResearch/SpecialTopics/WomensHealthResearch/UCM308982.pdf | editore= Food and Drug Administration - Office of Women’s Health | data= 1979 | accesso = 15 novembre 2013 }}</ref><ref name="pmid8852521">{{Cita pubblicazione | cognome = Sannerstedt | nome = R. | coautori = P. Lundborg; BR. Danielsson; I. Kihlström; G. Alván; B. Prame; E. Ridley | titolo = Drugs during pregnancy: an issue of risk classification and information to prescribers. | rivista = Drug Saf | volume = 14 | numero = 2 | paginepp = 69-77 | mese = Feb | anno = 1996 | pmid = 8852521 }}</ref>
 
L'atenololo si accumula nel latte materno in concentrazioni pari a 3 volte le concentrazioni ematiche medie e la sua assunzione durante l'allattamento può indurre [[bradicardia]] nel neonato. Sebbene la concentrazione ematica del farmaco in un bambino allattato al seno la cui madre è in terapia con atenololo sia inferiore a 10&nbsp;ng/ml, il rischio di effetti collaterali non deve essere trascurato.<ref name="pmid6626704">{{Cita pubblicazione | cognome = Thorley | nome = KJ. | coautori = J. McAinsh | titolo = Levels of the beta-blockers atenolol and propranolol in the breast milk of women treated for hypertension in pregnancy. | rivista = Biopharm Drug Dispos | volume = 4 | numero = 3 | paginepp = 299-301 | pmid = 6626704 }}</ref><ref name="pmid6700880">{{Cita pubblicazione | cognome = White | nome = WB. | coautori = JW. Andreoli; SH. Wong; RD. Cohn | titolo = Atenolol in human plasma and breast milk. | rivista = Obstet Gynecol | volume = 63 | numero = 3 Suppl | paginepp = 42S-44S | mese = Mar | anno = 1984 | pmid = 6700880 }}</ref><ref name="pmid2921694">{{Cita pubblicazione | cognome = Schimmel | nome = MS. | coautori = AI. Eidelman; MA. Wilschanski; D. Shaw; RJ. Ogilvie; G. Koren; MS. Schmimmel; AJ. Eidelman | titolo = Toxic effects of atenolol consumed during breast feeding. | rivista = J Pediatr | volume = 114 | numero = 3 | paginepp = 476-8 | mese = Mar | anno = 1989 | pmid = 2921694 }}</ref>
Nonostante non vi siano segnalazioni di gravi effetti negativi sul neonato, è quindi consigliabile che le donne che [[allattamento al seno|allattano al seno]] si astengano dall'impiego di atenololo durante questo periodo.<ref name="pmid11533352">{{Cita pubblicazione | autore = American Academy of Pediatrics Committee on Drugs. | titolo = Transfer of drugs and other chemicals into human milk. | rivista = Pediatrics | volume = 108 | numero = 3 | paginepp = 776-89 | mese = Set | anno = 2001 | pmid = 11533352 }}</ref>
 
==Avvertenze==
''Interruzione della terapia'': la sospensione del trattamento con atenololo deve avvenire in maniera graduale per ridurre il rischio di sintomi rebound quali esacerbazione dell'[[angina pectoris]], [[infarto miocardico]], morte improvvisa, tachicardia maligna; sono stati osservati anche [[tremore]] e [[sudorazione]]. In vivo la somministrazione cronica di atenololo (e di propranololo) è stata associata ad un aumento della densità dei recettori beta 1 adrenergici (up regulation recettoriale) responsabili degli effetti rebound quando la terapia farmacologica è interrotta bruscamente.<ref name="pmid11527109">{{Cita pubblicazione | cognome = Haeusler | nome = G. | titolo = Pharmacology of beta-blockers: classical aspects and recent developments. | rivista = J Cardiovasc Pharmacol | volume = 16 Suppl 5 | paginepp = S1-9 | anno = 1990 | pmid = 11527109 }}</ref><ref name="pmid16920085">{{Cita pubblicazione | cognome = Ohkuma | nome = S. | coautori = M. Katsura; M. Shibasaki; A. Tsujimura; M. Hirouchi | titolo = Expression of beta-adrenergic receptor up-regulation is mediated by two different processes. | rivista = Brain Res | volume = 1112 | numero = 1 | paginepp = 114-25 | mese = Set | anno = 2006 | doi = 10.1016/j.brainres.2006.06.107 | pmid = 16920085 }}</ref>
Gli effetti cardiaci rebound come la tachicardia, si manifestano entro 1-2 giorni dalla sospensione del farmaco, sono massimi dopo 4-8 giorni e si risolvono in circa due settimane.<ref name="pmid6114739">{{Cita pubblicazione | cognome = Ross | nome = PJ. | coautori = MJ. Lewis; DJ. Sheridan; AH. Henderson | titolo = Adrenergic hypersensitivity after beta-blocker withdrawal. | rivista = Br Heart J | volume = 45 | numero = 6 | paginepp = 637-42 | mese = Giu | anno = 1981 | pmid = 6114739 }}</ref>
 
''[[Psoriasi]]'': L'atenololo ed altri β-bloccanti sono stati associati con la comparsa o l'esacerbazione di questa patologia, ma non sono stati chiariti i meccanismi.<ref name="pmid18410416">{{Cita pubblicazione | cognome = Brauchli | nome = YB. | coautori = SS. Jick; F. Curtin; CR. Meier | titolo = Association between beta-blockers, other antihypertensive drugs and psoriasis: population-based case-control study. | rivista = Br J Dermatol | volume = 158 | numero = 6 | paginepp = 1299-307 | mese = Giu | anno = 2008 | doi = 10.1111/j.1365-2133.2008.08563.x | pmid = 18410416 }}</ref>
 
==Note==
525 145

contributi