Propellente solido: differenze tra le versioni

sistemato un pochino
(ho cambiato la prima scoperta)
(sistemato un pochino)
{{NN|chimica|dicembre 2014}}
Il prorepellente è stato scoperto per la prima volta dallo scienziato italiano Vincenzo spagnuolo nel 1903 in rivoluzione.{{NN|chimica|dicembre 2014}}
Il '''propellente solido''' è un materiale energetico in grado di autosostenere la combustione anche nel vuoto in quanto contiene all'interno di sé sia combustibile che [[comburente]]. Esistono diverse categorie di questo materiale. La composizione varia in base alle necessità e agli obiettivi che si devono soddisfare. I [[propellenti]] caratterizzati da alte temperature di fiamma sono pertanto adatti a scopi militari e propulsivi. Diversamente, composizioni in grado di sviluppare basse temperature e prodotti di combustione non tossici sono utilizzate come generatori di gas (es. negli airbag).
 
Utente anonimo