Differenze tra le versioni di "Narratore"

34 byte aggiunti ,  5 anni fa
m
e per i videogiochi si usa anche l'espressione '''voce narrante'''
(In campo cinematografico e televisivo si usa anche l'espressione '''voce narrante''' per indicare la figura che descrive parti della storia per cui non sono presenti scene girate da attori, come ad esempio gli antefatti delle vicende di un film.)
m (e per i videogiochi si usa anche l'espressione '''voce narrante''')
Secondo recenti studi di [[narratologia]], una delle funzioni importanti in un libro di narrativa ([[romanzo]] o [[racconto]]) è il narratore, che non deve essere confuso con la persona reale dell'[[autore]], il quale affida al narratore il compito di raccontare la vicenda.
 
In campo cinematografico e televisivo e per i videogiochi si usa anche l'espressione '''voce narrante''' per indicare la figura che descrive parti della storia per cui non sono presenti scene girate da attori, come ad esempio gli antefatti delle vicende di un film.
 
== Il narratore nelle opere letterarie italiane ==
* inaffidabile – il narratore la cui credibilità è stata seriamente compromessa; i narratori inaffidabili sono solitamente narratori in prima persona.
 
All'interno di uno stesso [[Racconto|testo narrativo]] il narratore non può adottare diversi [[punto di vista (letteratura)|punti di vista]] e, in tal caso, si parla di [[focalizzazione (narratologia)|focalizzazioni]] dogmatiche:
* focalizzazione zero: si ha unicamente quando il narratore è esterno, eterodiegetico e onnisciente; in tal caso lo spettatore è messo nelle condizioni di dominare tutta la narrazione, essendo informato di tutto da un narratore onnisciente che penetra nei pensieri dei personaggi e si trova in più posti diversi contemporaneamente;
* focalizzazione interna: quando il narratore adotta un punto di vista interno, cioè simile a quello che può avere un personaggio che conosce solo determinate vicende e non tutti i pensieri dei suoi coprotagonisti;
357 416

contributi