Differenze tra le versioni di "Editoria musicale"

nessun oggetto della modifica
[[File:Mellon Chansonnier, MS91.jpg|thumb|250px|Una pagina dal Chansonnier Mellon (c. 1470), uno degli ultimi manoscritti musicali copiati a mano, forse preparato per il matrimonio fra [[Beatrice d'Aragona]] e [[Mattia Corvino]][http://beinecke.library.yale.edu/collections/highlights/mellon-chansonnier Lo Chansonnier Mellon].]]
 
L''''editoria musicale''' o '''stampa musicale''' è quella branca dell'[[editoria]] che si occupa della [[stampa]] di materiale musicale, come partiture, spartiti ed edizioni critiche, ad uso degli [[Musicista|esecutori]]. Figure imprenditoriali e aziendali di tale attività sono l''''editore musicale''' e le '''case editrici musicali''', più comunemente dette '''edizioni musicali'''. Le case editrici si occupano anche di promuovere le musiche composte dai propri autori e di riscuotere parte dei diritti d'autore maturati, i quali vengono ripartiti tra i compositori e le edizioni.
 
 
Un ulteriore ridimensionamento del ruolo delle case editrici musicali si è avuto con l'espansione delle [[Etichetta discografica#Le major|major]], che gestiscono il proprio repertorio tramite aziende di loro proprietà, che quindi non promuovono più gli autori presso varie case discografiche ma si limitano a gestire l'incasso di parte dei proventi del [[diritto d'autore]].
 
== Note ==
<references/>
 
== Bibliografia ==