Differenze tra le versioni di "Tubo pluviale"

m
una manciata di wiki-ficazione
m (una manciata di wiki-ficazione)
{{O|voci comuni|mese=aprile 2007}}
{{W||aprile 2007|'''''<span style="font-size:medium;font-family:Tempus Sans">[[Utente:Gliu|<span style="color:#004050">Gl</span>]][[Discussioni utente:Gliu|<span style="font-size:small;color:#40A090">iu</span>]]</span>''''' 19:55, 11 apr 2007 (CEST)}}
Il '''tubo pluviale''' è parte integrante dei sistemi di raccolta delle acque piovane.
 
La [[pioggia]] che cade sulla copertura del [[tetto]] (tegole o altro), viene fatta cadere dando una pendenza al tetto all'interno della [[grondaia]]. Una volta nelle grondaie, l'acqua viene fatta defluire ogni 10 [[metro|metri]] circa all'interno dei tubi pluviali.
Il diametro degli stessi varia dai 60 ai 120 mm, per le comuni abitazioni, tenendo conto che maggiore è la distanza tra i tubi e maggiore dovra essere il loro diametro.
 
Il [[diametro]] degli stessi varia dai 60 ai 120 [[millimetro|mm]], per le comuni abitazioni, tenendo conto che maggiore è la distanza tra i tubi e maggiore dovra essere il loro diametro.
 
Il sistema di fissaggio è caratterizzato da un collare stretto intorno al tubo, ancorato al muro tramite un [[tassello]].
I materiali con cui possono essere realizzati sono tutti i metalli usati per la lattoneria (alluminio, rame, acciaio, lamiera zincata preverniciata), che poi sono gli stessi utilizzati per i collari, le grodaie e i vari accessori (curve e semicurve per pluviali, rivetti ecc.).
 
I materiali con cui possono essere realizzati sono tutti i metalli usati per la lattoneria ([[alluminio]], [[rame]], [[acciaio]], lamiera [[zinco|zincata]] preverniciata), che poi sono gli stessi utilizzati per i collari, le grodaie e i vari accessori (curve e semicurve per pluviali, rivetti ecc.).
 
[[Categoria:Edilizia]]
{{Categorizzare}}
[[Categoria:Elementi architettonici]]
[[Categoria:Ingegneria idraulica]]