Differenze tra le versioni di "Aeroporto Internazionale del Kansai"

added a non-breaking space according to the SI rules using AWB
m (iniziali mesi)
(added a non-breaking space according to the SI rules using AWB)
|Note2= ILS
}}
L'{{nihongo|'''Aeroporto Internazionale del Kansai'''|関西国際空港|Kansai Kokusai Kūkō}} ([[IATA]]: KIX, [[ICAO]]: RJBB) è un [[aeroporto]] situato su un'[[Isola artificiale|isola artificiale]] nella [[Baia di Osaka]]. Serve le maggiori città della regione del [[Kansai]] ([[Osaka]], [[Kyoto]] e [[Kobe]]), da cui prende il nome, alle quali è collegato attraverso diverse linee ferroviarie, tra cui la rete ferroviaria nazionale ad alta velocità ([[Shinkansen]]). Si trova a circa 50  km a sud ovest di Osaka e si situa su tre differenti municipalità nella [[Prefetture del Giappone|prefettura]] di Osaka: [[Izumisano]] a nord, [[Tajiri (Osaka)|Tajiri]] centralmente e [[Sennan]] a sud.
 
L'[[aeroporto]] è stato progettato dall'[[architetto]] italiano [[Renzo Piano]] ed ha aperto al pubblico il 4 settembre 1994. La sua realizzazione ha permesso di alleggerire il traffico aereo del già esistente [[Osaka International Airport]], che oggi riceve i soli voli domestici, oltre a permettere il traffico aereo notturno dei voli internazionali sul territorio giapponese. L'aeroporto è interessato sia dal traffico domestico [[Nazione|nazionale]], sia, prevalentemente, dal traffico internazionale. Con i suoi 18,1 milioni di passeggeri l'anno, rientra nella classifica dei ''World Airport Awards'' al nono posto soprattutto per la bellezza del suo [[Progettazione|design]]. <ref>{{cita web|url=http://www.worldairportawards.com/Awards/worlds_best_airport.html|titolo=Skytrax|sito=Worldairportawards.com|accesso=22 giugno 2016}}</ref>
 
===Costruzione dell'isola artificiale===
La [[costruzione]] dell'isola artificiale inizia nel Gennaiogennaio 1987 con la realizzazione del [[perimetro]] dell'isola: un [[rettangolo]] di terra lungo 4 &nbsp;km e largo 2,5 &nbsp;km. Nel Giugnogiugno dello stesso anno comincia anche la costruzione del ponte di collegamento tra la [[terraferma]] e l'isola, lungo circa 3 &nbsp;km. Ciononostante, durante il cantiere, il trasporto dei lavoratori e dei materiali da costruzione sull'isola avviene per mezzo di collegamenti marittimi. L'interramento dell'isola entro il perimetro inizia nel Dicembredicembre 1988: per la realizzazione è stato necessario [[Scavo (edilizia)|scavare]] tre diverse [[Montagna|montagne]] con tre tipologie di materiali differenti, scelti appositamente per limitare la trasmissione di [[Sisma|scosse sismiche]] attraverso il terreno, dovute ai numerosi [[Terremoto|terremoti]] che si verificano sul territorio giapponese, insieme ad altri fenomeni naturali quali i [[Ciclone tropicale|tifoni]]. Le macchine [[Chiatta|chiatte]] sono state costruite appositamente per questa operazione di interramento ed hanno lavorato ininterrottamente per 3 anni alla realizzazione dell'isola, realizzando 10 &nbsp;km² di [[Terrapieno|terrapieno]] che ha raggiunto una profondità di 18 &nbsp;m sotto il livello del mare. L'operazione di interramento è stata terminata nel 1991, anno in cui sono cominciate le costruzioni del Terminal passeggeri e delle strutture di servizio (linee ferroviarie, piste di atterraggio, piazzali, strade di collegamento). La costruzione del [[ponte]] di collegamento si conclude nel Marzomarzo 1994.
Nonostante siano state realizzate 11 milioni di colonne di sabbia nel terreno argilloso per accelerare la stabilizzazione dell'isola, ad oggi il terreno continua a subire abbassamenti.
 
[[File:Osaka - Kansai International (KIX - RJBB) AN1608052.jpg|miniatura|destra|Aeroporto del Kansai]]
===Costruzione dell'aeroporto===
La società '''KIAC''' (''Kansai International Airport Company'')<ref>{{cita web|url=http://www.nkiac.co.jp/en/|titolo=New Kansai International Airport Company|sito=Nkiac.co.jp|accesso=22 giugno 2016}}</ref> indice un [[Concorso di architettura|concorso ad inviti]] per la realizzazione dell'aeroporto di Kansai nel Marzomarzo 1988; il vincitore del concorso, l'architetto italiano [[Renzo Piano]] viene annunciato il 9 dicembre 1988. Successivamente alla vittoria del concorso, per la realizzazione dei disegni esecutivi, viene istituita una [[Joint venture|Joint Venture]] con a capo del coordinamento lo stesso Renzo Piano e lo studio di architettura giapponese [http://www.nikken.co.jp/ja/ Nikken Sekkei LTD] in qualità di local architects, le società [http://www.jacinc.jp/en/ Japan Airport Consultant] e [[Paris Aéroport|Aéroport de Paris]] in qualità di consulenti, e lo studio di ingegneria [http://www.arup.com/ Ove Arup & Partners] per la consulenza strutturale. I lavori di costruzione dell'aeroporto iniziano il 24 maggio 1991, e per compensare l'abbassamento del terreno dell'isola, vengono inseriti alla base dell'edificio colonne telescopiche in grado di regolarne l'[[Equilibrio (biologia)|equilibrio]] puntualmente su tutta la sua lunghezza. La geometria toroidale utilizzata per definire la [[curvatura]] dell'edificio permette, dalla [[torre di controllo]], di vedere la coda di tutti gli aerei collegati ai singoli [[Finger|fingers]] su tutta la lunghezza di 1,7 &nbsp;km dell'aeroporto.
L'aeroporto apre al pubblico il 4 settembre 1994, dopo 3 anni di lavoro, 2 [[Impresa di costruzioni|società edili]] che si sono occupate contemporaneamente della costruzione una dell'ala nord, l'altra dell'ala sud dell'edificio e 10000 operai quotidianamente al lavoro.
 
[[File:Kansai International Airport13n.jpg|miniatura|destra|Main Terminal Building]]
====MTB Main Terminal Building====
Il '''Main Terminal Building''' dell' ''Aeroporto Internazionale del Kansai'' è stato il primo a strutturarsi secondo una distribuzione detta ''sandwich'' delle aree di accesso e uscita. La particolarità di questa distribuzione è la netta divisione tra passeggeri dei voli domestici, passeggeri dei voli internazionali e aree di servizio, a loro volta divisi per flussi di entrata e flussi di uscita. Questa distinzione permette non solo una più funzionale distribuzione dei servizi ma facilita anche l'orientamento del passeggero nei suoi [[Spostamento (fisica)|spostamenti]] lungo l'edificio. Questi 5 differenti [[Livello di trasporto|livelli]] di distribuzione, nell'aeroporto del Kansai, sono stati mantenuti in comunicazione da una particolare fascia a tutta altezza a loro perpendicolare detta ''[[Canyon|canyon]]'' e dalla quale la distribuzione ha inizio.
[[File:Kansai International Airport Terminal 1 Interior1 2014.jpg|miniatura|destra|Canyon]]