Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
 
== Mitologia ==
[[File:Pisces.jpg|thumb|left|Una cordicella unisce le code dei due Pesci. Da ''Atlas Coelestis'' di John Flamsteed.]]Una convincente indicazione che i [[Greci]] ereditarono questa costellazione dai [[Babilonesi]] è che gli eventi mitologici che la riguardano si sarebbero verificati attorno al fiume [[Eufrate]]. La storia costituisce il seguito di un episodio molto antico della mitologia greca, nel corso del quale gli dèidei dell'[[Olimpo (mitologia)|Olimpo]] avevano sconfitto i [[Titano (mitologia)|Titani]] e i [[Giganti (mitologia greca)|Giganti]] nella lotta per la supremazia. La [[Gea|Madre Terra]], conosciuta anche come Gea, riservò agli dei un'altra sgradevole sorpresa. Si accoppiò con [[Tartaro (mitologia)|Tartaro]], la regione più bassa del [[Oltretomba|Mondo dell'Oltretomba]] dove [[Zeus]] aveva imprigionati i Titani, e da quest'unione poco promettente nacque [[Tifone (mitologia)|Tefeo]], il mostro più terribile che al mondo fosse mai stato dato vedere.
 
Secondo [[Esiodo]], Tefeo aveva [[Policefalia|cento teste]] di drago. Lanciava fiamme dagli occhi e dalle bocche guizzavano lingue nere e fuoriusciva una cacofonia di suoni: a volte erano voci eteree che gli dèidei riuscivano a comprendere, mentre altre volte Tefeo muggiva come un bue, ruggiva come un leone, guaiva come un cucciolo, o sibilava come un covo di vipere.
 
Gea mandò questo mostro tremendo ad attaccare gli dèidei; [[Pan]] lo vide arrivare e con un grido avvisò gli altri. Poi si tuffò nel fiume tramutandosi in pesca-capra, rappresentato nella costellazione del [[Capricorno (costellazione)|Capricorno]], anche quella ereditata dai Babilonesi.
 
[[Afrodite]] e suo figlio [[Eros]] si rifugiarono fra le canne sulla sponda del fiume Eufrate, ma quando il vento fece frusciare la boscaglia Afrodite si spaventò. Tenendo Eros in grembo invocò l'aiuto delle ninfe e saltò nel fiume. Secondo una versione della storia, due pesci vennero fuori dall'acqua e trasportarono Afrodite ed Eros sui loro dorsi, ma in un'altra versione sono i due profughi che vengono tramutati in pesci. I mitologi sostennero che a causa di questa storia i Siriani non mangiavano pesce. Una storia alternativa, riportata da [[Igino (astronomo)|Igino]] nelle ''Fabulae'', è che un uovo cadde nell'Eufrate e fu spinto a riva da alcuni pesci. Delle colombe si accovacciarono sull'uovo e da quello uscì Afrodite che, in segno di gratitudine, pose i pesci in cielo. [[Eratostene]] scrisse che i pesci rappresentati nella costellazione dei Pesci erano figliolanza di un altro pesce, quello della costellazione del [[Pesce Australe]].
Utente anonimo