Apri il menu principale

Modifiche

→‎Doratura: precisazione tenica
 
===Doratura===
Se l'opera prevedeva la doratura si stendeva sulla parte da dorare uno strato di [[bolo]], cioè un'argilla rossastra sciolta con acqua e chiara d'uovo. Esiste anche una preparazione in terra verde, usata per esempio nel Nord-Italia. La [[foglia d'oro]] veniva poi applicata per rettangoli che venivano "soffiati" (a causa dell'estrema leggerezza del materiale sottilissimo) su un pennello ed appoggiata sulla superficie con il bolo dopo averla bagnata con acqua e pochissima colla animale. La foglia applicata sulla tavola e dopo l'asciugatura veniva poi schiacciata con il brunitore, una sorta di pennello con una pietra d'[[agata (minerale)|agata]] appiattita, arrotondata e levigata all'estremità, che dava alla foglia un aspetto lucido e metallico. Poi si procedeva a rimuovere le parti in eccesso.Questo tipo di doratura è chiamata "a guazzo". Spesso l'oro veniva poi inciso, soprattutto nelle aureole, con rotelle e punzoni.
 
===Disegno e tinte===
Utente anonimo