Apri il menu principale

Modifiche

 
=== Il contraccolpo, 1909 ===
{{vedi anche|Massacro di Adana }}
Le nuove attitudini del sultano non lo salvarono dal sospetto di intrighi con potenti elementi reazionari dello stato, sospetto confermato nella controrivoluzione del 13 aprile [[1909]] nota col nome turco di ''[[31 Mart Vakası]]'', quando un'insurrezione di soldati riportò l'impero ad una politica conservatrice, rovesciando il gabinetto di governo. Il governo più aperto venne restaurato da soldati di [[Salonicco]], che decisero la deposizione di Abdul Hamid, ed il 27 aprile successivo suo fratello Reshad Efendi venne proclamato sultano col nome di [[Mehmet V]].
 
Le nuove attitudini del sultano non lo salvarono dal sospetto di intrighi con potenti elementi reazionari dello stato, sospetto confermato nella controrivoluzione del 13 aprile [[1909]] nota col nome turco di ''[[31 Mart Vakası]]'', quando un'insurrezione di soldati riportò l'impero ad una politica conservatrice, rovesciando il gabinetto di governo. Il governo più aperto venne restaurato dadelle soldatitruppe dell'esercito di [[Salonicco]], che decisero la deposizione di Abdul Hamid, ed il 27 aprile successivo suo fratello Reshad Efendi venne proclamato sultano col nome di [[Mehmet V]].
Il contraccolpo del sultano, che era stato acclamato a gran voce dagli islamici conservatori contro le riforme liberali dei Giovani Turchi, si concluse con un massacro di decine di migliaia di cristiani armeni della provincia di [[Adana]].<ref>{{Cita news|titolo=The Slaughter of Christians in Asia Minor|url=http://select.nytimes.com/gst/abstract.html?res=F00812FF3F5A15738DDDAB0A94D0405B898CF1D3|autore=Creelman, James|data=22 agosto 1909|pubblicazione=The New York Times}}</ref>
 
Il contraccolpo del sultano, che era stato acclamato a gran voce dagli [[Islamici|islamici conservatori]] contro le riforme liberali dei Giovani Turchi, si concluse con un massacro di decine di migliaia di [[cristiani armeni]] della provincia di [[Adana]].<ref>{{Cita news|titolo=The Slaughter of Christians in Asia Minor|url=http://select.nytimes.com/gst/abstract.html?res=F00812FF3F5A15738DDDAB0A94D0405B898CF1D3|autore=Creelman, James|data=22 agosto 1909|pubblicazione=The New York Times}}</ref>
 
== Ideologia e Progressi ==
Utente anonimo