Apri il menu principale

Modifiche

m
apostrofo tipografico
[[File:RomaTempioNinfe1.jpg|thumb|I resti del tempio delle Ninfe a Roma]]
Il '''tempio delle Ninfe''' era un [[tempio romano|tempio]] dell'antica [[Roma]], la cui esistenza è testimoniata dalle fonti antiche<ref>Fasti degli [[Arvali]], al 23 agosto ([[Attilio Degrassi]], ''Inscriptiones Italiae'', XIII 2, Roma 1963, p.501); [[Marco Tullio Cicerone]], ''Pro Caelio'', 78 e ''[[Pro Milone]]'', 73, dove viene citato un incendio, avvenuto alla metà del [[I secolo a.C.]].</ref>, generalmente identificato con i resti di rimessi in luce lungo la via delle Botteghe Oscure<ref>Daniele Manacorda, "Nymphae, aedes", in ''[[Lexicon Topographicum Urbis Romae]]'', III, Roma 1996, pp.350-351.</ref>. Il tempio dovette essere fondato nel [[III secolo a.C.]] o agli inizi del [[II secolo a.C.|II]]<ref>Adam Ziolkowski, ''The Temples of Mid-Republican Rome and their Historical and Topographical Context'' (''Saggi di storia antica'', 4), Erma’Erma' di Bretschneider, Rome 1992, pp.120-122.</ref>. Dovette subire un incendio alla metà del [[I secolo a.C.]] e fu probabilmente interessato dall'incendio del [[Campo Marzio]] dell'[[80]] d.C.<ref>[[Cassio Dione Cocceiano]], ''[[Storia romana (Cassio Dione)|Storia romana]]'', 66, 24, 1-2.</ref>.
 
==Descrizione==
1 125 137

contributi