Differenze tra le versioni di "Benedetto Conforti"

|accesso = 9 ottobre 2014
}}</ref>
 
Nella XIV legislatura fu investito della questione del seguito da dare allo [[Statuto di Roma]] nell'ordinamento nazionale<ref>Avanzata a livello parlamentare quando, il 17 giugno 2002, veniva presentato alla Camera dei deputati, il disegno di legge n. 2724, d'iniziativa Kessler, "Norme per l'adattamento dell'ordinamento interno allo Statuto della Corte penale internazionale"</ref>: il 27 giugno 2002 un decreto interministeriale istituiva la Commissione per l'attuazione dello Statuto istitutivo della [[Corte penale internazionale]], integrato dal decreto interministeriale 17 luglio 2002. Essa fu presieduta dal professor Conforti, che elaborò una proposta volta ad adattare l'ordinamento italiano alle previsioni dello Statuto di Roma e prevedere anche le forme normative e organizzative che consentissero la collaborazione fra gli organi della Corte e quelli nazionali; oltre ad esponenti del mondo accademico e forense, ne fecero parte magistrati e funzionari del Ministero di giustizia, dell'interno e della difesa.
 
Dal [[2007]]<ref>[http://www.osce.org/cca/44763 OSCE]</ref> è stato arbitro, per l'Italia, alla Corte di Conciliazione e di Arbitrato dell'OSCE e membro del suo Bureau.