Sibilla de Cetto: differenze tra le versioni

inserite note
(inserita nota 1)
(inserite note)
Da Bonaccorso ebbe dei figli deceduti in tenera età e inumati nella [[Chiesa di San Lorenzo (Padova)|chiesa di San Lorenzo]]. Il marito, passato nel [[1388]] dalla parte di [[Gian Galeazzo Visconti]], al ritorno dei [[Carraresi]] venne giustiziato. La morte del marito aprì tra Sibilia e il suocero, già protetto da Venezia, una lunga disputa sul testamento che si protrasse anche oltre il successivo matrimonio di Sibilia con [[Baldo de' Bonafarii]], di famiglia oriunda di [[Piombino Dese]], appartenente alla cittadinanza padovana fin dal 1392, quale referendario e consigliere di [[Francesco II da Carrara|Francesco Novello da Carrara]] e suo "vicario" dei beni nei territori di [[Due Carrare|Carrara]], [[Anguillara Veneta|Anguillara]] e [[Oriago]] (1402).
 
I due coniugi abitarono per alcuni anni il palazzo di fronte al Duomo, per poi trasferirsi nella contrada Santa Margherita, in case di proprietà di Sibilia. Nel [[1407]] i coniugi decisero di far erigere l'[[Ospedale di San Francesco Grande]] con la [[chiesa di San Francesco Grande (Padova)|chiesa annessa]], di cui Sibilla risulta la fondatrice<ref>{{Cita pubblicazione|autore=Edgardo Morpurgo|anno=1922|titolo=Lo studio di Padova, le epidemie ed i contagi durante il governo della Repubblica Veneta (1405-1797)|rivista=Memorie e Documenti per la Storia de la Università di Padova|editore=La Garangola|volume=Primo|numero=|p=112 (cit)}}</ref>, con la posa della prima pietra, il 29 ottobre 1414<ref>{{Cita libro|autore=Roberta Lamon|titolo=Le Donne nella Storia di Padova|anno=2013|editore=|città=Padova|p=24|pp=|ISBN=}}</ref>. L'ultima sua attestazione è il testamento del 21 novembre [[1421]]
 
Qui i coniugi de Cetto - Bonafari furono sepolti.
Il comune di Padova le dedica una via
 
== Note ==
<references />
== Bibliografia ==
* ''Lo Spedale Civile'', in ''L'Euganeo Politico-Letterario,'' 2 settembre 1885, ANNO IV, n. 243
222

contributi