Differenze tra le versioni di "Guerra sociale"

m
Colelgamento inserito
m (→‎Collegamenti esterni: ., Riordino portali)
m (Colelgamento inserito)
 
== Antefatto ==
Già dal tempo dei Gracchi a [[Roma]] si avanzavano proposte d'estensione dei diritti di cittadinanza anche ad altri popoli italici fino ad allora federati, ma senza successo. La situazione si avviava al punto di rottura quando, nel [[95 a.C.]], [[Lucio Licinio Crasso]] e [[Quinto Mucio Scevola (console 95 a.C.)|Quinto Muzio Scevola]] proposero una legge che istituiva un tribunale giudicante a chi si fosse abusivamente inserito tra i cives romani [[Lex Licinia Mucia|(Lex Licinia Mucia]]). Legge, questa, che accrebbe il malcontento dei ceti elevati italici, che miravano alla partecipazione diretta alla gestione politica.
 
[[Marco Livio Druso (tribuno)|Marco Livio Druso]] si schierò per la causa italica avanzando proposte di legge a favore dell'estensione della cittadinanza, ma la proposta non piacque né ai senatori né ai cavalieri. Il più accanito rivale di Druso fu il console [[Lucio Marcio Filippo]], che dichiarò illegale la procedura seguita per le leggi di Druso, cosicché queste non vennero nemmeno votate. Nel novembre del [[91 a.C.]] seguaci estremisti di Marcio Filippo mandarono un sicario ad assassinare Druso. Questa fu la scintilla che fece scoppiare la guerra sociale.
147

contributi