Visione binoculare: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
[[File:Constudeyepath.png|thumb|La visione binoculare negli [[Essere umano|esseri umani]]]]
La '''visione binoculare''', anche detta '''visione stereoscopica''' o '''stereopsi''' o '''stereopsia''', è launa caratteristica del sistema visivo, propria di alcune specie animali, perquali cui unl'immagine viene proposta sul [[retina|piano retinico]] da entrambi gliessere [[occhio|occhi]]umano.
 
Questa avviene in genere per un campo ristretto rispetto alla normale visione ''bioculare'', e proprio quando entrambi gli [[occhio|occhi]] partecipano alla visione dello stesso soggetto o della stessa area di campo. Ovvero, quando la parte del singolo campo visivo ''monoculare'' dell'occhio destro, può andarsi a sommare alla stessa parte visibile anche dal singolo campo visivo ''monoculare'' dell'occhio sinistro, formando appunto una '''immagine binoculare'''.
Quando entrambi gli occhi partecipano a formare un'unica percezione visiva si parla di ''binocularità'', se invece generano percezioni separate si parla di ''biocularità''
 
La '''visione binoculare''', che è poi la parte che utilizziamo normalmente e per la maggiorparte del tempo durante l'osservazione attenta (lettura, visione TV, ecc), è mediamente approssimabile ad una finestra di forma ellittica con rapporto d'aspetto tra 1,2:1 e 1,35:1 circa, che copre un campo visivo esteso mediamente per circa 95° orizzontali e per circa 80° verticali.
 
[[L|L'Acutezza visiva]] totale della '''visione binoculare''', risulta molto maggiore rispetto alla visione ''monoculare'', ovvero più del doppio e circa il 240%.
 
== Generalità ==
400

contributi