Dislipidemia: differenze tra le versioni

m
., replaced: alimentazione (nutrizione) → Alimentazione
mNessun oggetto della modifica
m (., replaced: alimentazione (nutrizione) → Alimentazione)
Termine generico per indicare le '''alterazioni della quantità''' di lipidi circolanti nel sangue, in particolare del colesterolo, dei trigliceridi, dei fosfolipidi, assai più frequentemente in aumento (ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, iperfosfolipidemia), più raramente in diminuzione.
 
La ''' dislipidemia''' è una qualsiasi condizione clinica nella quale sono presenti nel [[sangue]] elevate concentrazioni di [[lipidi]]. Poiché il termine comprende non una, ma svariate patologie, è più corretto parlare di '''dislipidemie''' al [[plurale]], giacché le varie forme possono avere origine diversa, trattamenti diversi e soprattutto conseguenze diverse sulla salute dell'individuo affetto.
 
Le dislipidemie sono uno dei principali [[fattori di rischio cardiovascolare]].
 
==Eziologia==
A seconda delle cause, le dislipidemie si distinguono tradizionalmente in '''primitive''' (su base genetica) e '''secondarie''' (o acquisite). Tra le secondarie si classificano anche quelle forme che, pur partendo da una predisposizione familiare, vedono come causa principale fattori legati all'[[alimentazione (nutrizione)|alimentazione]] o a stili di vita errati. In questo caso si parla di dislipidemie ''multifattoriali''.
 
==Sintomatologia==
102 813

contributi