Differenze tra le versioni di "Salvador Allende"

m
link
m (incipit + link)
m (link)
Laureatosi in medicina all'[[Università del Cile|Universidad de Chile]], ne fu allontanato e venne inquisito per motivi politici alla fine degli studi. Nel [[1933]] partecipò alla fondazione del [[Partito Socialista del Cile]]. Successivamente eletto deputato del Parlamento cileno nel [[1937]]; quindi nel [[1943]] venne scelto come segretario dei [[socialismo|socialisti]] e ricoprì la carica di Ministro della Sanità e delle Politiche Sociali; infine nel [[1945]] divenne senatore e nel [[1966]] Presidente del Senato. Nel 1970 ottenne la vittoria elettorale, come candidato dichiaratamente marxista, oltre che [[socialismo democratico|socialista democratico]], alla carica di Presidente della Repubblica del Cile, quindi presiedette un governo di coalizione tra socialisti, [[Partito Comunista del Cile|comunisti]], [[Partito Radicale (Cile)|radicali]] e [[Partito Democratico Cristiano del Cile|cattolici di sinistra]].
 
L'11 settembre [[1973]], un [[golpe cileno del 1973|un golpe]] organizzato dall'[[Ejército de Chile|esercito cileno]] causò la sua morte in circostanze drammatiche - probabilmente [[suicidio|suicida]] - nel [[Palacio de La Moneda|palazzo presidenziale]] a [[Santiago del Cile]], portando al [[governo]] il [[generale]] [[Augusto Pinochet]] che instaurò una [[dittatura militare]]. I suoi sostenitori si riferiscono a lui come ''Compañero Presidente'' ("[[Compagno (politica)|Compagno]] Presidente") e alcuni lo annoverano tra i pochi [[rivoluzione|rivoluzionari]] [[nonviolenza|non violenti]].<ref>[http://www.verosudamerica.com/2006/09/in-ricordo-di-allende-lunico.html ''In ricordo di Allende: l'unico rivoluzionario non violento'']</ref>
 
== Biografia ==