Apri il menu principale

Modifiche

 
=== La lirica trobadorica nell'Italia settentrionale ===
Anche in Italia l'influsso della cultura occitana fu decisivo. Tra i seguaci della poesia trobadorica, scritta in lingua occitana troviamo i nomi di [[Alberico da Romano]], [[Dante da Maiano]], [[Lanfranco Cigala]], [[Percivalle Doria]], [[Rambertino Buvalelli]], [[Sordello da Goito]] e tanti altri. La lirica occitana influenza fortemente la [[scuola siciliana]] e quella [[scuola toscana|toscana]] (che utilizzano ormai i volgari dei italiani, rispettivamente il siciliano e il toscano) e il poeta per antonomasia [[Dante]], che nel canto XXVI del Purgatorio metterà in bocca del suo tanto ammirato [[Arnaut Daniel]] versi nostalgici declamati in lingua occitana.
::''Tan m'abellis vostre cortes deman,''
::''qu'ieu no me puesc ni voill a vos cobrire.''
Utente anonimo