Differenze tra le versioni di "Notazione di Leibniz"

m
m (a capo in eccesso)
m (Bot: fix sezioni standard)
 
== Cenni storici ==
 
Questa è la più antica notazione di derivata tuttora in uso e fu introdotta da [[Leibniz]] tra il [[1675]] e il [[1676]]; <math>\operatorname dy</math> e <math>\operatorname dx</math> sono i simboli usati da Leibniz per gli [[infinitesimi]] che egli aveva posto alla base del calcolo che fu per questo detto infinitesimale. In un primo tempo aveva indicato l'infinitesimo con <math>x \over d</math> ma poi optò per <math>\operatorname dx</math> (leggi ''de-ics'').
 
 
== Notazione per le derivate successive ==
 
<math>\frac {\operatorname d^2 y}{\operatorname d x^2}</math>,
<math>\frac {\operatorname d^3 y}{\operatorname d x^3}</math>,
 
Per le derivate successive la notazione di Leibniz prevede l'uso di un esponente per la <math>\operatorname d</math> al numeratore e per la <math>x</math> al denominatore.
 
== Note ==
<references />
 
== Bibliografia ==
* {{en}} [[Carl Benjamin Boyer|Carl B. Boyer]] (1949), ''The History of the Calculus and its Conceptual Development'', Dover, ISBN 0-486-60509-4. Pag. 205.
* {{en}} [[Florian Cajori]] (1929): ''A history of mathematical notations'', Dover. Par. 570
 
== Voci correlate ==
* [[Notazione di Lagrange]]
* [[Notazione di Arbogast]]
 
== Note ==
<references />
 
== Bibliografia ==
* {{en}} [[Carl Benjamin Boyer|Carl B. Boyer]] (1949), ''The History of the Calculus and its Conceptual Development'', Dover, ISBN 0-486-60509-4. Pag. 205.
* {{en}} [[Florian Cajori]] (1929): ''A history of mathematical notations'', Dover. Par. 570
 
{{Portale|matematica}}
2 822 664

contributi