Differenze tra le versioni di "Rapporto d'aspetto (immagine)"

Riduco uso eccessivo del maiuscolo, semplifico frasi
(Riduco uso eccessivo del maiuscolo, semplifico frasi)
==Occhio umano==
[[File:Field of view.svg|thumb|Sovrapposizione dei campi visivi monoculari]]
La [[Visionevisione monoculare|visione Monoculare]] è quella che essenzialmente utilizza un singolo occhio (o ne rappresenta la zona di copertura), mentre la [[Visionevisione binoculare|visione Binoculare]] è indubbiamente la visione che utilizza entrambi gli occhi contemporaneamente e che è anche la zona maggiormente utilizzata dall'essere umano.
 
Anche se volendo si possono idealmente individuare dei rapporti d'aspetto differenti fra di loro a seconda che ci si riferisca alla visione monoculare, alla visione binoculare o al [[campo visivo]] combinato, queste caratteristiche dipendono essenzialmente dalla morfologia del viso e quindi i valori del campo si differenziano anche di molto, tra individuo e individuo. In più, per la normale visione di apparecchi TV, schermi PC o Cinematograficicinematografici, Fotografiefotografie, ecc, viene possibilmente ed istintivamente utilizzata soltanto la visione Binocularebinoculare e a quella in genere ci si riferisce per valutare l'osservazione di opere delle [[arti visive]] o per progettare le strumentazioni che utilizzano la visione umana (Binocolibinocoli, Microscopimicroscopi, ecc).
 
===Visione monoculare===
Rispetto al punto centrale che viene fissato, i limiti esterni della vista periferica del singolo occhio (vedi immagine sotto), possono essere descritti in termini dei quattro angoli rappresentati dalle quattro direzioni cardinali. Questi angoli potrebbero esseresono mediamente 60° superiore, 60° nasale (interno, verso il naso), 70°&ndash;75° inferiore e 100°&ndash;110° temporale (esterno, verso la tempia)<ref name="Traquair">>{{Cita libro|cognome= Traquair |nome= Harry Moss |data= 1938 |titolo= An Introduction to Clinical Perimetry, Chpt. 1 |città= London|editore= Henry Kimpton |pp= 4–5}}</ref><ref name="SavinoDanesh-Meyer2012">{{Cita libro|cognome1=Savino|nome1=Peter J.|cognome2=Danesh-Meyer|nome2=Helen V.|titolo=Color Atlas and Synopsis of Clinical Ophthalmology -- Wills Eye Institute -- Neuro-Ophthalmology|url=http://books.google.com/books?id=6RgSZGWQZGIC&pg=PA12|accesso=9 novembre 2014|data=1º maggio 2012|editore=Lippincott Williams & Wilkins|isbn=978-1-60913-266-8|p=12}}</ref><ref name="RyanSchachat2012">{{Cita libro|cognome1=Ryan|nome1=Stephen J.|cognome2=Schachat|nome2=Andrew P.|cognome3=Wilkinson|nome3=Charles P. |autore4=David R. Hinton |autore5=SriniVas R. Sadda |autore6=Peter Wiedemann|titolo=Retina|url=http://books.google.com/books?id=PdAsuzFRv5oC&pg=PT342|accesso=9 novembre 2014|data=1º novembre 2012|editore=Elsevier Health Sciences|isbn=1-4557-3780-1|p=342}}</ref><ref name="TrattlerKaiser2012">{{Cita libro|cognome1=Trattler|nome1=William B.|cognome2=Kaiser|nome2=Peter K.|cognome3=Friedman|nome3=Neil J.|titolo=Review of Ophthalmology: Expert Consult - Online and Print|url=http://books.google.com/books?id=AazA_9TQnHYC&pg=PA255|accesso=9 novembre 2014|data=5 gennaio 2012|editore=Elsevier Health Sciences|isbn=1-4557-3773-9|p=255}}</ref><ref>{{Cita libro|cognome1=Howard|nome1=Ian P.|cognome2=Rogers|nome2=Brian J.|titolo=Binocular vision and stereopsis|data=1995|editore=Oxford University Press|città=New York|isbn=0-19-508476-4|p=32|url=http://books.google.com/books?id=I8vqITdETe0C&lpg=PA32&ots=JhaI-4InNv&pg=PA32|accesso=3 giugno 2014}}</ref> per una copertura Monoculare media di 160° orizzontali e di 130° verticali nel punto maggiore.
 
===Visione binoculare===
[[File:Peripheral vision.svg|thumb|Angoli di visuale]]
È la porzione di spazio esterno su cui entrambi gli occhi agiscono contemporaneamente, coprendo un campo visivo che si estende mediamente per circa 95° orizzontali e per circa 80° verticali.
È la zona funzionale utilizzata normalmente per la maggior parte del tempo, durante l'osservazione attenta (lettura, visione TV, ecc) ed è mediamente approssimabile ad una finestra di forma ellittica con '''rapporto d'aspetto''' tra circa 1,2:1 e 1,35:1. Questo non vuol dire che la visione binoculare ha un preciso rapporto d'aspetto, in quanto è l'area circoscritta ad essere utilizzata come zona di osservazione ed all'interno di quest'area possono essere visualizzati qualsiasi rapporto d'aspetto esistenti, dal formato quadrato 1:1 a quello panoramico 2,40:1 (Cinematograficocinematografico).
 
L'uso intensivo e naturale della visione binoculare è dovuto anche al fatto che la sua risoluzione totale (precisamente l'[[acutezza visiva]]), risulta molto maggiore rispetto alla visione monoculare, ovvero più del doppio (all'incirca il 240%).
}}</ref><ref name="Kühn2013">{{Cita libro|cognome=Kühn|nome=Wolfgang|titolo=Fundamentals of Road Design|url=http://books.google.com/books?id=pdikFUh4tmsC&pg=PA24|accesso=9 novembre 2014|anno=2013|editore=WIT Press|isbn=978-1-84564-097-2|p=24}}</ref>.
 
È approssimabile ad una finestra dalla forma dei tipici occhiali da sole "a goccia", quindi con un incavo inferiore centrale per via della visuale nascosta dal naso e grossomodo idealizzabile con un rapporto d'aspetto totale tra 1,5:1 e 1,697:1.
 
== Standard televisivi ==