Teorema di Coulomb: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
In [[fisica]], il '''teorema di [[Charles Augustin de Coulomb|Coulomb]]'''<ref>Talvolta nell'ambito della divulgazione scientifica, così come in molti libri di testo, quest'espressione viene utilizzata per indicare la legge della [[circuitazione]] del [[campo elettrico]], attribuendo a Coulomb la scoperta del fatto che [[Forza elettrica|quella elettrica]] fosse una [[forza conservativa]].</ref> sull'elettrostatica, è una relazione che permette di determinare l'intensità del [[campo elettrico]] in prossimità della [[superficie]] di un corpo [[Conduttore elettrico|conduttore]] conoscendo la densità di carica in quel punto. Permette, quindi, di calcolare il campo elettrico in prossimità della superficie una volta che si conosce la densità con cui vi sono distribuite le cariche. Ne risulta che il campo elettrico è uniforme in prossimità della superficie, perpendicolare a quest'ultima, e di intensità proporzionale alla densità superficiale di carica.
 
La carica in eccesso sulla superficie di un conduttore tende ad addensarsi nei punti di massima curvatura della superficie e, in particolare, sulle punte. Col termine di ''[[potere dispersivodisperdente delle punte]]'' si intende che dove la densità di carica è molto intensa il campo elettrico riesce ad accelerare gli ioni presenti nell'aria fino a generare urti che producono nuovi ioni ([[vento elettrico]]).
 
==Enunciato del teorema==
Utente anonimo