Differenze tra le versioni di "In camera caritatis"

m
Annullate le modifiche di 93.35.89.11 (discussione), riportata alla versione precedente di Samuele Madini
m (Annullate le modifiche di 93.35.89.11 (discussione), riportata alla versione precedente di Samuele Madini)
 
{{F|lingua latina|marzo 2015}}
'''In camera caritatis''' è una [[locuzioni latine|locuzione]] [[lingua latina|latina]], dal significato letterale di ''nella camera di carità'', con significato traslato di 'caritatevolmente, 'in un posto riservatodove nessuno possa sentire''. Il detto è di origine medievale: la camera identifica il luogo in cui si esercitava il potere, e la caritas, da intendersi in senso cristiano, rimanda ad un atteggiamento di amore verso il prossimo quindi antitetico all'intransigenza tipica della legge. Per questo motivo il detto è spesso usato in relazione ad un rimprovero che vuole essere esposto solo all'interessato.
 
L'espressione viene anche usata quando si vuole confidare qualcosa che non deve però diventare di dominio pubblico; se una persona afferma: "in camera caritatis, questo l'ho fatto io", significa che effettivamente ha fatto quella cosa, ma negherà ufficialmente con tutta forza di averla fatta.
20 431

contributi