Apri il menu principale

Modifiche

m
correggo con forma al plurale di ḥadīth
=== Educazione ===
al-Ghazālī nacque nella città di [[Tus (Iran)|Tūṣ]] ([[Khorasan]]) o in un villaggio vicino, in una famiglia [[Persiani|persiana]] di mezzi modesti, alcuni dei quali erano noti per la loro competenza e passione per il misticismo [[sufi]].<br />
Era ancora giovane quando suo padre morì, dopo aver incaricato uno dei suoi amici [[sufi]] di occuparsi dell'educazione dei suoi due figli. L'amico in questione adempie questa missione fino a sfinimento dei fondi tramandati dal padre e consigliò ai due fratelli di iscriversi in una [[madrasa]] dove gli alunni seguivano dei corsi e sono stati sostenuti materialmente. al-Ghazālī avrebbe iniziato, verso l'età di sette anni, studiando l'[[Lingua araba|arabo]] e il [[Lingua persiana|persiano]], il [[Corano]] e i principi della religione islamica. Dopo la madrasa, entrò nel ciclo degli studi secondari e superiore che comportava lo studio del ''[[fiqh]]'' (giurisprudenza islamica) e l'esegesi ''[[Tafsir|tafsīr]]'', del testo coranico e dei ''[[ḥadīthʾaḥādīth]]'' (tradizione giuridicamente rilevante).
 
Verso l'età di 15 anni si stabilì a [[Gorgan|Jurjan]], centro fiorente del sapere all'epoca, situato a 160&nbsp;km da Tūṣ, per studiare (secondo Subkī) il ''fiqh'' con l'[[Imam]] al-Ismāʿīlī (1084).<ref>al-Subkī (''Ṭabaqāt al-Shāfiʿiyya al-Kubrā'', ed. A.F. Helo e M. M. Tanji, Maṭbaʿat al-Ḥalabī, VI, p. 196) parla di Abū Naṣr al-Ismāʿīlī, ossia Muḥammad b. Aḥmad b. Ibrāhīm b. Ismāʿīl (m. 1014), confondendolo con il cugino (e vero maestro di al-Ghazali) Ismāʿīl b. Masʿada b. Ismāʿīl b. Aḥmad b. Ibrāhīm b. Ismāʿīl (m. 1084).</ref> Questo tipo di "viaggio alla ricerca della conoscenza" (''[[Talab al-'ilm|ṭalab al-ʿilm]]'') al fine di seguire l'insegnamento dei maestri famosi del momento, era una delle tradizioni educative dell'[[Islam]]. Ritornò l'anno seguente a Tūṣ, dove rimase tre anni, dedicate a memorizzare e meglio comprendere ciò che aveva trascritto dell'insegnamento dei suoi maestri.<br />
24 842

contributi