Apri il menu principale

Modifiche

m
nessun oggetto della modifica
Era chiamato '''Governatore di Roma''' durante il [[fascismo]], il [[podestà]] della capitale, [[Roma]]. Il '''Governatorato''' aveva sede principale in [[Palazzo Senatorio|Campidoglio]] e altri uffici a nel [[Palazzo Caffarelli al Campidoglio|palazzo Caffarelli]] <ref>[http://www.treccani.it/enciclopedia/campidoglio_(Enciclopedia-Italiana)/ Enciclopedia Italiana]</ref>.
 
==Storia ==
Al governatore, oltre a tutti i poteri spettanti negli altri comuni al [[podestà]], potevano essere deferite, tramite decreto reale su proposta del Ministro dell’interno di concerto con quello delle finanze e sentito il Consiglio di Stato, talune funzioni che, svolte nella sua circoscrizione, rientravano nella competenza dell’amministrazione dello Stato o della provincia. Il primo Governatore, [[Filippo Cremonesi]], già sindaco e commissario straordinario del Comune di Roma, si insediò il 31 dicembre 1925. La legge 6 dicembre [[1928]] n. 2702 diede al Governatorato l’organizzazione definitiva.
 
Ebbe una propria rivista ufficiale, [[Capitolium (rivista)|Capitolium]] <ref>http://libreriasalimbeni.com/prodotto/capitolium-rassegna-di-attivita-municipale-poi-rassegna-mensile-di-attivita-municipale-rassegna-mensile-del-governatorato-di-roma</ref>/.
 
==Organi ==
81 046

contributi