Differenze tra le versioni di "Capodimonte (Napoli)"

 
==Storia==
Fino alla fine del [[XVI secolo]] era un piccolo [[Casale (architettura)|casale]] collinare mal collegato al centro di Napoli, molto simile per la semplice urbanistica e per la prevalenza del settore agricolo nell'occupazione agli altri casali circostanti: [[Miano]], [[Secondigliano]], [[Scampia]], [[Chiaiano]], [[Marano di Napoli|Marano]].
 
Già un passo avanti nella storia del casale lo abbiamo nel [[1575]], con la fondazione della [[Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Capodimonte]] e con l'inizio di uno sviluppo urbanistico ancora non invasivo, formato da ville e cascine nobiliari che caratterizzeranno la zona specie nell'[[XIX secolo|Ottocento]].
[[File:Reggia di Capodimonte 1.JPG|miniatura]]
 
[[File:Chiesa Soccorso Capodimonte interno.JPG|centro|senza_cornice|4608x4608px|chesa di capdimonte]]
Nel [[XVIII secolo|Settecento]] con la costruzione e lo sviluppo della [[Reggia di Capodimonte]] e del [[bosco di Capodimonte|bosco]] che la circonda e nell'Ottocento con la costruzione di via Capodimonte, del [[ponte della Sanità]] e del Serbatoio idrico sovrastante il vallone dei Gerolomini, il borgo si "avvicinava" a Napoli. In quest'ultimo secolo avviene il boom di costruzioni di ville che ancora oggi mostrano la loro nobile magnificenza.
 
Utente anonimo