Differenze tra le versioni di "Astaxantina"

nessun oggetto della modifica
 
Oltre ad una funzione antiossidante<ref>H. D. Martin / C. Ruck / M. Schmidt / S. Sell / S. Beutner / B. Mayer / R. Walsh, ''Chemistry of carotenoid oxidation and free radical reactions'', Pure and Applied Chemistry. Volume 71, Issue 12, Pages 2253–2262, ISSN (Online) 1365-3075, ISSN (Print) 0033-4545, DOI: 10.1351/pac199971122253, January 2009, Institute of Organic Chemistry and Macromolecular Chemistry presso University of Duesseldorf, D-40225 Duesseldorf, Germany, e Department of Chemistry, University of Reading, UK; pubblicato anche su 1999 IUPAC, Pure Appl. Chem. 71, 2253±2262, Great Britain</ref><ref>''Quantitative assessment of antioxidantproperties of natural colorants andphytochemicals: carotenoids, flavonoids,phenols and indigoids. The role ofb-carotene inantioxidant functions'', su Journal of the Science of Food and Agriculture, J Sci Food Agric 81:559±568 (online: 2001), 2001 Society of Chemical Industry. J Sci Food Agric 0022±5142/2001/: <<Three main categories ofantioxidants may be classi®ed: (1) excellent antioxidants that perfectly quench excited states as well asground state radicals (eg actinioerythrol, astaxanthin); (2) good antioxidants that strongly inhibitperoxide formation but are less ef®cient in quenching excited states (eg ¯avonols, tocopherols) or leadto considerable degradation of the antioxidant itself (egb-carotene, lycopene); (3) moderateantioxidants that fail to excel in both reactivities (eg z-carotene, ¯avone)>></ref> presenta proprietà di anti-infiammatorio e protezione dai raggi-UV.</br>
Come [[Xantofille|cantaxantina]] (che ad alte dosi prolungate nel tempo porta alla formazione di depositi cristallini nella retina e non sembrano comunque interferire con le funzioni della retina <ref>''Dose Dependency of Canthaxanthin Crystals in Monkey Retina and Spatial Distribution of its Metabolites '', su Investigative Ophthalmology & Visual Science May 2000, Vol.41, 1513-1522, PMID: 10798671</ref>), [[luteina]] e [[zeaxantina]] (che portano anch'essi alla formazione di depositi cristallini nella retina), è uno dei pochissimi carotenoidi in grado di superare la [[barriera ematoencefalica]] dei mammiferi, uomo incluso, e, successivamente, di superare la seconda "protezione" della [[Barriera emato-retinica]] fino a depositarsi nella [[retina]] degli occhi<ref>''Suppressive effect of astaxanthin on retinal injury induced by elevated intraocular pressure'', su Regulatory Toxicology and Pharmacology, Volume 58, Issue 1, October 2010, Pages 121–130: condotto su topi a dosi di 5 mg/kg/day ASX per 8 settimane</ref> ([[licopene]] e [[beta-carotene]] ad esempio non sono in grado di superare la barriera della retina). Rispetto alle altre forme di vitamina A, l'astaxantina è un forte antiossidante, in grado di arrivare "dentro l'occhio" dove può svolgere direttamente la sua azione.
([[licopene]] e [[beta-carotene]] ad esempio non sono in grado di superare la barriera della retina). Rispetto alle altre forme di vitamina A, l'astaxantina è un forte antiossidante, in grado di arrivare "dentro l'occhio" dove può svolgere direttamente la sua azione.
 
La fonte vegetale più importante dell'astaxantina è un'alga unicellulare (microalga) d'acqua dolce: ''Haematococcus pluvialis''<ref>''Haematococcus astaxanthin: applications for human health and nutrition'', Mera Pharmaceuticals Inc., 73–4460 Queen Kaahumanu Hwy, Suite 110, Kailua-Kona, Hawaii 96740, USA, DOI: http://dx.doi.org/10.1016/S0167-7799(03)00078-7</ref>, che produce in forma autonoma i lipidi contenenti astaxantina naturale quando le condizioni ambientali inducono uno [[stress ossidativo]]. Ciò avviene in presenza di acqua salata o di elevata radiazione luminosa.
Utente anonimo