Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: Formatto ISBN; modifiche estetiche
Le brigate partigiane furono formate su base volontaria per lo più da componenti irregolari, a volte organizzate dagli ex soldati operanti nei territori di occupazione italiana. Queste formazioni operarono nel periodo compreso tra l'[[Proclama Badoglio dell'8 settembre 1943|8 settembre 1943]] e la fine delle ostilità (6 maggio [[1945]]).
 
== Storia ==
L'origine delle formazioni partigiane ebbe due percorsi, intrecciati tra loro: uno politico antifascista e uno militare. All'inizio esistevano delle bande di [[partigiani]], ovvero aggregazioni nate prevalentemente da scelte fatte dagli ex-militari dopo lo scioglimento, avvenuto l'8 settembre 1943, del [[regio esercito italiano]] presente nei territori del Centro-nord Italia e nei territori di occupazione militare italiana come i territori della zona balcanica. Agli ex-militari sbandati si affiancarono gli antifascisti attivi, gli ex inviati al [[confino]], gli esiliati e gli espatriati all'estero.
 
* tre Brigate una Divisione (810-1620 combattenti).
 
=== I riferimenti politici militari ===
Queste erano le affiliazioni politiche all'interno del [[Corpo volontari della libertà]]:
 
* (8) Associazione degli ex consiglieri della [[Regione Veneto]]- Il Veneto nella Resistenza, contributi per la storia di liberazione nel 50º anniversario della Costituzione - 1997 -Venezia.
* (9) [[Giuseppe Sittoni]] - Uomini e fatti del Gherlenda - Ed. Croxarie - Strigno (TN) - 2005.
* (2)William Montorsi - Campammo di fame, di freddo e di paura - www.colombinieditore.it, Modena 2014, ISBN: 978-88-6509-121-0
 
== Voci correlate ==
489 306

contributi