Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: Formatto ISBN; modifiche estetiche
}}
 
== Biografia ==
È stato un esponente della cosiddetta ''Scuola Romana''.
 
Alla fine della [[Seconda guerra mondiale]] inizia l'attività di critico musicale per le riviste ''[[Epoca]]'', ''[[Risorgimento Liberale]]'', ''[[Il Mondo]]''.
 
Tra le sue opere più importanti si ricordano le raccolte poetiche ''Canto del destino'' e ''La luce ricorda'' ([[Premio Viareggio]]) e quella di racconti ''Le notti romane'' ([[Premio Bagutta]]).
 
Nel [[1982]] pubblica il suo unico romanzo ''La Virgilia'': un racconto lungo, o ''poème en prose'', che Vigolo scrisse a 27 anni, nel [[1921]]-[[1922|22]]. La scrittura finge il diario del protagonista, un giovane musicista dai rapidi invasamenti che è giunto a Roma all'inizio dell'Ottocento per riesumare, dalle muffe dei conventi e delle corti principesche, le musiche del Cinquecento. La musica ha il potere di risvegliare dalla morte la bellezza, la grazia, l'amore, la vita.<ref name=cimatti82>[[Pietro Cimatti]], ''Una chiave musicale per svegliare la Bellezza'', ''[[Prospettive nel mondo|Prospettive libri]]'', gennaio 1982.</ref>
 
== Giudizi ==
Secondo il critico [[Ettore Paratore]]: «Giorgio Vigolo è di quegli scrittori toccati dalla grazia che nei tempi moderni, a partire da Giuseppe Gioachino Belli, hanno saputo rivelare in copia i tesori di suggestiva ispirazione facilmente convertibile in visione universale del mondo che la città eterna sa infondere nei suoi figli privilegiati. [...] nelle sue prime raccolte poetiche (si guardino in ''Linea della vita'' le liriche ''Visibilio'', ''Il ritorno di sera'', ''L'impronta'') si afferma preminente l'impulso a scoprire un nuovo criterio per il nostro mistero esistenziale: così ne ''Il viso'' si legge: ''È allora che prendendo del tuo buio, | una rapita conoscenza, credi | finalmente di leggerti; decifri | l'oscura lingua, sillabi le forti | lettere e i nomi sciogli. | Illuso! In altro | specchio t'appari.''».<ref>[[Ettore Paratore]], [http://digitale.bnc.roma.sbn.it/tecadigitale/giornale/CFI0415092/1976/n.194/3 ''Giorgio Vigolo e altri poeti''], ''[[Il Tempo]]'', 17 luglio 1976.</ref>
 
Ha scritto [[Pietro Cimatti]]: «La sua opera è sparsa, dispersa, introvabile o inedita. Un'intera sezione della sua inventività di maestro dell'elzeviro, del racconto visionario, ha mancato l'incontro con la distratta, fatua editoria maggiore. E Vigolo non ha mai fatto nulla, se non "durare in vita", per contrastare quel metodo brigantesco di occupazione del presente culturale che ha canonizzato mediocri e santificato i capi mafiosi dell'ultima e penultima cosiddetta letteratura italiana».<ref name=cimatti82/>
 
== Note ==
<references/>
 
== Bibliografia ==
* G. Vigolo, ''Poesie scelte'', a cura di M. Ariani, Milano, Mondadori, 1976
* Antonio Carrannante, ''Scrittori a Roma. Sulle tracce di Giorgio Vigolo'', in ''L'Urbe'', gennaio-febbraio 2007, pp.&nbsp;13–17
* Marco Ariani, ''Giorgio Vigolo'', Firenze, La Nuova Italia, 1976, pp.&nbsp;145
* G. Vigolo, [http://www.zandonaieditore.it/libri/DIABOLUS%20IN%20MUSICA.html ''Diabolus in musica''], Zandonai, Rovereto 2008
* [[Franco Pappalardo La Rosa]], ''"La Virgilia", in Le storie altrui. Narrativa utaliana del penultimo Novecento''. Torino, Achille e La Tartaruga, 2016, <nowiki>ISBN 9 788896 558416</nowiki>
 
== Opere ==
* ''La città dell'anima'', Roma, Studio Editoriale Romano, 1923
* ''Canto fermo'', Roma, A. F. Formiggini, 1931
* ''Il silenzio creato'', Roma, Novissima, 1934
* ''Conclave dei sogni'', Roma, Novissima, 1935
* ''Linea della vita'', Milano, A. Mondadori, 1949
* ''Canto del destino'', Venezia, Neri Pozza, 1959
* ''Le notti romane'', Milano, V. Bompiani, 1960
* ''La luce ricorda'', Milano, A. Mondadori, 1967
* ''Spettro solare'', Milano, V. Bompiani, 1973
* ''I fantasmi di pietra'', Milano, A. Mondadori, 1977
* ''La Virgilia'', Milano, Editoriale nuova, 1982
* ''Cannocchiale metafisico'', Roma, Edizioni della cometa, 1982
* ''Roma fantastica'', Milano, Bompiani, 2013; raccoglie: ''La Virgilia'', ''Arcobaleno in bianco e nero'', ''Il Buonavoglia'' e ''Racconto d'inverno''
 
== Collegamenti esterni ==
* {{cita web|http://www.zandonaieditore.it/autori/autore_1_Giorgio%20Vigolo.html|Scheda dell'autore sul sito di Zandonai}}
 
{{Premio Bagutta}}
491 192

contributi