Differenze tra le versioni di "Unione Esercizi Elettrici"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: rinominato parametro immagine)
Nel [[1939]] la UNES venne incorporata nella [[Società Meridionale di Elettricità]] (SME) che due anni prima era entrata nel neocostituito [[IRI]].
 
Nel secondo dopoguerra principali gruppi del centro sud, ossia Gruppo la Centrale (SELT Valdarno e SRE), SME, ACEA e UNES si accordarono per unificare gli acquisti di energia elettrica presso i produttori settentrionali, anche per far fronte alle difficoltà di produzione della società [[Acciaierie di Terni|Terni]] allora impegnata nella produzione di energia elettrica; nel 1950 tali accordi portarono a ripartire equamente i prelievi effettuati<ref> Stefano Battilossi, ''Acea di Roma 1909-2000. Da azienda municipale a gruppo multiservizi''], Franco Angeli, 2001, pp. 217-218. Codice ISBN 978-88-464-2952-0. Consultabile in parte su [http://books.google.it/books?id=pXGDNo9B2EgC&pg=PA25&dq=Unione+Esercizi+Elettrici&hl=it&sa=X&ei=fkBiVKjDJtGM7Aa7voHwDg&ved=0CDEQ6AEwAw#v=onepage&q=unes&f=false Google Books]</ref>.
 
L'UNES cessò formalmente ogni attività nel [[1962]], anno in cui queste vennetovennero assorbite dall'[[ENEL]] nell'ambito del processo di nazionalizzazione del settore<ref name="Daniele" />, per scomparire definitivamente il 12 marzo [[1964]], quando avvenne la fusione con [[Italsider]]<ref name="siusa" />. La SME, ritiratasi anch'essa dal mercato elettrico, divenne invece un colosso dell'industria alimentare.
 
== Dati societari ==
Utente anonimo