Apri il menu principale

Modifiche

Non importano i nomi di tutti i preti, riordino sezioni
Bagnarola è l'ultima frazione del comune di Cesenatico in direzione monte e confina direttamente con il comune di Cesena (frazione Macerone).
 
== ToponimoGeografia fisica ==
=== Territorio ===
Il nome Bagnarola viene erroneamente associato alle paludi pre-bonifiche di epoca rinascimentale ma deriva probabilmente da "Balneum Aurelianum" ossia Bagno (termale) dell'Imperatore Marco Aurelio come da indicazione ritrovata su un'epigrafe dai frati benedettini nel 1505 durante le bonifiche per la realizzazione del mulino.
 
== Confini ==
La frazione di Bagnarola è indicativamente delimitata a ovest dalla via Capannaguzzo, a nord dallo scolo Mesola, a est dalla via Carlona e dalla via Sbarra e a sud dal fiume Pisciatello. Per la precisione nello spigolo di nord-ovest la frazione di Bagnarola ingloba un tratto di località di Capannaguzzo, nello spigolo di nord-est il confine è frastagliato e sulla via Cesenatico ad est l'ultimo tratto di case detto borgo Galufun (ma non i campi retrostanti) è parte della frazione di Villalta. Confina ad ovest con Macerone di Cesena e Capannaguzzo di Cesena, a nord con Capannaguzzo di Cesena, a est con Villalta di Cesenatico e a sud con Sala di Cesenatico.
 
== La Parrocchia ==
Bagnarola è Parrocchia della Diocesi di Cesena-Sarsina e fa parte della zona pastorale del mare. Il parrocco è attualmente Don Giovanni Barduzzi; prima di lui dall'inizio del 1900 si sono succeduti nell'ordine Don Ercole Fiori (Rettore in quanto ancora non era parrocchia), Don Giuseppe Canducci, Don Elvezio Motta, Don Gilberto Gasperoni e infine Padre Pierluigi Cagliani (Padre Pedro) solo quale amministratore parrocchiale. La Parrocchia è intitolata ai Santi Filippo e Giacomo ed è altresì intitolata alla Madonna del Buon Consiglio. La festa parrocchiale si svolge ogni anno la 3ª domenica di Ottobre; tale data venne scelta da Don Ercole Fiori in quanto la popolazione locale, prevalentemente contadina, era libera dagli intensi impegni del lavoro solo dopo la fine del mese di settembre.
 
== Storia ==
 
La celletta posta all'angolo tra via Cesenatico e via Carlona è stata installata nel 1954. Cadeva infatti nel '54 l'anno mariano e una piccola statua della Madonna venne fatta passare di casa in casa per benedire le famiglie. La celletta, che ospitò da quel momento la statua, venne inaugurata durante la terza domenica di Ottobre, in concomitanza con la festa paesana.
 
=== Toponimo ===
Il nome Bagnarola viene erroneamente associato alle paludi pre-bonifiche di epoca rinascimentale ma deriva probabilmente da "Balneum Aurelianum" ossia Bagno (termale) dell'Imperatore Marco Aurelio come da indicazione ritrovata su un'epigrafe dai frati benedettini nel 1505 durante le bonifiche per la realizzazione del mulino.
 
== La Parrocchia ==
Bagnarola è Parrocchia della [[Diocesi di Cesena-Sarsina]] e fa parte della zona pastorale del mare. Il parrocco è attualmente Don Giovanni Barduzzi; prima di lui dall'inizio del 1900 si sono succeduti nell'ordine Don Ercole Fiori (Rettore in quanto ancora non era parrocchia), Don Giuseppe Canducci, Don Elvezio Motta, Don Gilberto Gasperoni e infine Padre Pierluigi Cagliani (Padre Pedro) solo quale amministratore parrocchiale. La Parrocchia è intitolata ai Santi Filippo e Giacomo ed è altresì intitolata alla Madonna del Buon Consiglio. La festa parrocchiale si svolge ogni anno la 3ª domenica di Ottobre; tale data venne scelta da Don Ercole Fiori in quanto la popolazione locale, prevalentemente contadina, era libera dagli intensi impegni del lavoro solo dopo la fine del mese di settembre.
 
== Aziende storiche ==
85 741

contributi