Differenze tra le versioni di "Esilarca"

m
nessun oggetto della modifica
m
m
{{Avvisounicode}}
{{S|storia antica}}
'''Esilarca''' (in [[lingua ebraica]]: '''ראש גלות''', ''Rosh Galut''; in [[lingua aramaica]]: '''ריש גלותא''', ''Resh Galuta'' o ''Resh Galvata'', letteralmente "capo dell'esilio"; {{arabo|رأس الجالوت|Raʾs al-Jālūt}}, [[Lingua greca|greco]] '''Αἰχμαλωτάρχης''', ''Aichmalotàrches'', lett. "leadercapo dei prigionieri") era il titolo dato al capo politico degli [[Ebrei]] rimasti a [[Babilonia]] anche dopo che l'[[impero persiano|imperatore persiano]] [[Ciro II di Persia|Ciro il Grande]] ebbe dato il permesso di ritornare in patria ([[537 a.C.]], ponendo fine all'[[esilio babilonese]] ebraico).
 
I ''Resh Galuta'' seguitarono ad operare anche in periodo [[islam]]ico [[abbaside]], quando la regione di Babilonia prese il nome di [[Iraq]]. Basati nella stessa regione erano i ''[[gaon]]im'' (o ''geonim''): titolo attribuito ai presidenti delle Accademia talmudiche locali, che erano il punto di riferimento spirituale per tutte le comunità ebraiche disseminate in tutto il mondo conosciuto.
123 178

contributi