Differenze tra le versioni di "Santuario dell'Annapurna"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  4 anni fa
m - ortografia
m (smistamento lavoro sporco e fix vari)
(m - ortografia)
Il '''Santuario dell'Annapurna''' (''Annapurna Sanctuary'') è un bacino glaciale lungo 40 km situato a nord di [[Pokhara]] in [[Nepal]]. Questo altopiano di forma ovale si trova a un'altitudine di oltre 4000 metri,<ref name="Ortner, Jon p. 29">[[Jon Ortner|Ortner, Jon]]. ''Where Every Breath is a Prayer: A Photographic Pilgrimage into the Heart of Asia''. New York: Stewart, Tabori & Chang. p. 29</ref> ed è circondato da un anello di montagne, appartenenti al [[massiccio]] dell'[[Annapurna]], la maggior parte delle quali superano i 7000 metri.<ref name="neatadventure.com">[http://www.neatadventure.com/annapurna_sanctuary_trek.php]</ref> L'unico ingresso è uno stretto passaggio tra il [[Hiunchuli]] ed il [[Machapuchare]], formato dall'acqua di fusione dei ghiacciai, che si va a gettare nel fiume [[Modi Khola]]. Il Santuario è rimasto inviolato da parte di estranei fino al 1956.<ref name="Ortner, Jon p. 29" /> A causa delle alte montagne su tutti i lati, il Santuario dell'Annapurna riceve solo 7 ore di sole al giorno, in piena estate.<ref name="Ortner, Jon p. 29" /> La combinazione unica di altezze e profondità nel Santuario dell'Annapurna danno luogo a una straordinaria varietà di ecosistemi. I pendii esposti a sud sono "coperti da giungle tropicali dense di [[rododendri]] e [[bambù]]", mentre i pendii esposti a nord, che ricevono poca pioggia, hanno "un clima più secco e freddo simile a quello del vicino [[altipiano tibetano]]. "<ref name="Ortner, Jon p. 29" />
 
L'intero santuario è ritenuto sacro dai [[Gurung]], uno dei tanti popoli autoctoni che abitano la zona.<ref>Ortner, Jon. ''Where Every Breath is a Prayer: A Photographic Pilgrimage into the Heart of Asia''. New York: Stewart, Tabori & Chang. pp. 29-30</ref> Essi credevano che fosse il luogo dove i [[Nāga]] ([[uomo rettile|uomini-serpente]] della [[mitologia]] [[veda|vedica]] e [[induismo|induista]]) depositavano l'oro ed i loro tesori.<ref name="Bernbaum, Edwin 1997. p. 20">Bernbaum, Edwin. ''Sacred Mountains of the World''. [[Berkeley]]: University of California Press, 1997. p. 20.</ref> A parte questo, il santuario è sempre stato creduto essere la sede di numerose divinità, dell'[[Induismo]] e del [[Buddismo]], così come anticamente di divinità animiste.<ref name="Bernbaum, Edwin 1997. p. 20" /> Il [[Machapuchare]] era ritenuto essere la casa del dio [[Shiva]], ed i pennacchi di neve che ogni giorno si sollevano dalla sua cima, si riteneva fosse il fumo dell'incenso divino.<ref name="Ortner, Jon p. 30">Ortner, Jon. ''Where Every Breath is a Prayer: A Photographic Pilgrimage into the Heart of Asia''. New York: Stewart, Tabori & Chang. p. 30</ref> Fino a tempi recenti, i GurangGurung proibivano a chiunque di portare uova o carne nel Santuario dell'Annapurna, ed alle donne ed agli intoccabili era proibito andarvi.<ref>Bernbaum, Edwin. ''Sacred Mountains of the World''. [[Berkeley]]: University of California Press, 1997. p. 20</ref>
 
[[File:SouthfaceAnnapurnafromABC.jpg|thumb|left|La parete sud dell'Annapurna dalla capanna degli escursionisti nell'Annapurna Sanctuary.]]
Utente anonimo