Differenze tra le versioni di "Conciliarismo"

m
m (Annullate le modifiche di 5.90.39.4 (discussione), riportata alla versione precedente di Rojelio)
Invece durante il successivo [[Concilio di Basilea, Ferrara e Firenze]] (aperto nel 1431 e chiuso nel 1442) apparve il desiderio di definire la teoria conciliarista nella sua forma radicale: ossia l'assoluta preminenza del concilio sul papa, indipendentemente dal contesto storico e dalla questione se il papa fosse eretico o meno. Gli scopi del concilio erano i seguenti: 1) convocare un concilio di unione con la [[Chiesa ortodossa]]; 2) estirpare l'[[Hussiti|eresia hussita]] e 3) riformare la Chiesa.
 
Al momento di scegliere il luogo dove svolgere il concilio di unione con gli ortodossi, [[papa Eugenio IV]] confermò il voto della minoranza che preferiva una città italiana (così era anche il volere dei greci), contro la maggioranza dei padri conciliari che preferivano [[Basilea]] o [[Avignone]]. Il concilio di unione con i greci ebbe inizio a Ferrara (poi trasferito a Firenze poiché i fiorentini fornivano al Papa i mezzi necessari al sostentamento dei greci, un folto gruppo di circa 700 persone) e vale come legittima continuazione del concilio di Basilea e forma insieme con esso il XVII concilio ecumenico. Le trattative con i greci furono molto difficili, ma si poté concludere con il decreto di unione “Laetentur''Laetentur coeli”coeli'' del 6 luglio [[1439]].
 
Frattanto a Basilea era rimasta un'assemblea contraria alla decisione attuata, composta da un cardinale e diversi dottori e clero minore in numero di circa 300 membri. Questi aprirono un processo contro il Papa e nel gennaio 1438 fu lanciata su di lui la sospensione, alla quale il Pontefice rispose con la scomunica. Appoggiata comunque dal [[re di Francia]], questa assemblea costituì la base principale del [[gallicanesimo]], cioè del sistema di Chiesa nazionale e di Chiesa di stato che si affermò in Francia da quest'epoca in poi. Nel 1439 i padri conciliari di Basilea – già scomunicati - proclamarono come ''veritas fidei catholicae'' che il concilio ecumenico è superiore al papa e che il papa non lo può né sciogliere né sospendere né trasferire; inoltre tentarono di deporre il papa come “pertinace"pertinace eretico e scismatico”scismatico" perché contrastava questa verità. Quando il papa dichiarò che essi erano eretici, perché osavano definire come dogmi le loro private opinioni, passarono alla creazione di un [[antipapa]]. Diversi sovrani andarono uno dopo l'altro ritirando i loro vescovi da Basilea, finché nel luglio [[1448]] i partecipanti, espulsi dall'imperatore dalla città di Basilea, si trasferirono a [[Losanna]]. Nell'aprile [[1449]] l'[[antipapa Felice V]] abdicò; fu l'ultimo antipapa che la storia ricordi.
 
=== Ultime decisioni ===