Differenze tra le versioni di "Regio V Picenum"

(Annullata la modifica 81080922 di 151.82.7.127 (discussione) se si ritiene indispensabile una tabellina ci sono i template appositi)
 
{{Citazione|Quinta regio Piceni est, quondam uberrimae multitudinis. <math>\overline{CCCLX}</math> Picentium in fidem p.R. venere. orti sunt a Sabinis voto vere sacro. tenuere ab Aterno amne, ubi nunc ager Hadrianus et Hadria colonia a mari <math>\overline{VI}</math> p. flumen Vomanum, ager Praetutianus Palmensisque, item Castrum Novum, flumen Batinum, Truentum cum amne, quod solum Liburnorum in Italia relicum est, flumina Albula, Tessuinum, Helvinum, quo finitur Praetutiana regio et Picentium incipit.<br /><br />Cupra oppidum, Castellum Firmanorum, et super id colonia Asculum, Piceni nobilissima. intus Novana; in ora Cluana, Potentia, Numana a Siculis condita, ab iisdem colonia Ancona, adposita promunturio Cunero in ipso flectentis se orae cubito, a Gargano <math>\overline{CLXXXIII}</math>. intus Auximates, Beregrani, Cingulani, Cuprenses cognomine Montani, Falerienses, Pausulani, Planinenses, Ricinenses, Septempedani, Tolentinates, Traienses, Urbesalvia Pollentini.|Plinio il Vecchio, ''Naturalis Historia'', III, 112}}
 
==Strade==
La quinta regione era percorsa da due tra le più importanti strade romane: la [[via Salaria]], che passando per [[Ascoli Piceno|Ascoli]] giungeva a [[Porto d'Ascoli]] e la variante meridionale<ref>Luca Antonelli, ''I Piceni: corpus delle fonti: la documentazione letteraria'', L'ERMA di BRETSCHNEIDER, 2003, ISBN 9788882652425. L'autore si basa su testi di Strabone (geografia), di Sidonio Apollinare e sull'Itinerario Antoniniano, tutti riportati nel libro (testi 3, 14 e 20).</ref> della [[via Flaminia]], che passava per ''[[San Severino Marche|Septempeda]]'' e raggiungeva il mare ad [[Ancona]], per poi proseguire lungo la costa con due ramificazioni dirette a [[Fano]] e a [[Porto d'Ascoli]].
 
== Le città della ''Regio V'' ==