Differenze tra le versioni di "Felice Laudadio"

operatore culturale
(delibera Giunta Regione Puglia)
(operatore culturale)
|Attività = giornalista
|Attività2 = produttore cinematografico
|AttivitàAltre = , operatore culturale e direttore di festival italiano
|Epoca = 1900
|Epoca2 = 2000
 
==Carriera==
È dal 6 dicembre 2016 il presidente della Fondazione [[Centro Sperimentale di Cinematografia]] di Roma che governa la [[Scuola Nazionale di Cinema]] e la [[Cineteca nazionaleNazionale]]<ref>{{Cita web|url=http://www.ansa.it/puglia/notizie/2016/12/13/laudadio-presidente-centro-sperimentale_efc556bf-dcc0-4da7-8fdd-75faaa6ca85a.html|titolo=Laudadio presidente Centro Sperimentale}}</ref>.
 
È stato amministratore delegato dell'[[Istituto Luce]] s.p.a. nel [[1994]]<ref>{{Cita news|autore=Grassi Giovanna|titolo=Grido d'allarme del cinema italiano, ma l'Istituto Luce sfodera i suoi assi|pubblicazione=Corriere della Sera|data=7/05/1994}}</ref> e presidente di [[Cinecittà]] Holding s.p.a. dal [[1999]] al [[2002]]<ref>{{Cita news|autore=Cappelli Valerio|titolo="La mia Cinecittà"|pubblicazione=Corriere della Sera|data=17/12/1999}}</ref>. È stato a lungo impegnato nella creazione in Puglia di un [[Polo del cinema e dell'audiovisivo digitali]]<ref>{{Cita news|autore=Di Giacomo Antonio|titolo=E a Mola nasce il Polo del digitale|pubblicazione=La Repubblica|data=4/06/2007}}</ref>, dopo aver condotto per anni a [[Cinecittà]], a cominciare dal [[2000]], una serie di laboratori pionieristici sul cinema digitale (i cosiddetti "Martedì di Cinecittà"<ref>{{Cita web|url=http://www.kinematrix.net/testi/cinecitt%E0_2.htm|titolo=I Martedì di Cinecittà. Chiusura del primo anno}}</ref>) insieme a [[David Bush]]<ref>{{Cita web|url=http://www.davidbush.eu/David_Bush/David_Bushs_Biography.html|titolo=David Bush's Biography}}</ref>, fra i massimi esperti europei della materia.
 
=== Sceneggiatore e produttore ===
Ha scritto varie sceneggiature per film diretti da [[Margarethe von Trotta]], dei quali è stato anche produttore: in particolare ''[[Il lungo silenzio]]''<ref>{{Cita news|autore=Grassi Giovanna|titolo=Una moglie sul fronte della lotta anti-mafia|pubblicazione=Corriere della Sera|data=28/11/1992}}</ref>, nel [[1993]] vincitore di tre premi al [[Montréal World Film Festival]]<ref>{{Cita news|autore=Serenellini Mario|titolo=Carla Gravina vince a Montréal|pubblicazione=La Repubblica|data=8/09/1993}}</ref> e di tre [[Globi d'oro]] <nowiki/>della Stampa estera<ref>{{Cita news|autore=Montini Franco|titolo=von Trotta, premi e polemiche|pubblicazione=La Repubblica|data=10/07/1993}}</ref>, e ''[[La promessa (film 1995)|La promessa]]'' (''Das Versprechen o Gli Anni del Muro'')<ref>{{Cita news|autore=Mori Anna Maria|titolo=Berlino patria straniera|pubblicazione=La Repubblica|data=9/02/1994}}</ref>, che nel [[1995]] inaugurò il [[Festival internazionale del cinema di Berlino|Festival di Berlino]]<ref>{{Cita web|url=www.berlinale.de/de/archiv/jahresarchive/1995/02_programm_1995/02_Filmdatenblatt_1995_19950161.php|titolo=Filmdatenblatt}}</ref> e fu candidato dalla [[Germania]] per il [[Premio Oscar]]<ref>{{Cita web|url=http://www.taorminafilmfest.it/2003/laudadio/default.asp|titolo=Margarethe von Trotta}}</ref>. Ha coprodotto il film ''[[Al di là delle nuvole]]'' di [[Michelangelo Antonioni]] e [[Wim Wenders]]<ref>{{Cita news|autore=Manin Giuseppina|titolo=Antonioni Wenders: e Portofino lascia fuori i curiosi|pubblicazione=Corriere della Sera|data=1/11/1994}}</ref> e, per l'[[Istituto Luce]], un'altra dozzina di film diretti fra gli altri da [[Marco Bellocchio]], [[Theo Angelopoulos]], [[Ettore Scola]], [[Luigi Magni]], [[Alessandro D'Alatri]], [[Sergio Citti]].
 
=== Giornalista e scrittore ===
Da giornalista è stato inviato culturale, responsabile delle pagine degli spettacoli e critico televisivo, cinematografico e teatrale de [[l'Unità]] dal [[1974]] al [[1980]], poi collaboratore fino al [[1983]] dello stesso quotidiano e di [[Rinascita]]. Ha diretto le riviste ''Classe, Script'' e i dieci numeri del trimestrale ''Cinecittà''. Collabora attualmente con i quotidiani ''La Repubblica/Bari'' e ''Corriere della Sera/Corriere del Mezzogiorno''. È membro onorario della [[FIPRESCI]] (Fédération Internationale de la Presse Cinématographique) e componente della [[European Film Academy]] e dell'Accademia del cinema italiano.
 
Ha pubblicato il volume ''[[Fare festival]]'' ([[1996]]) e il romanzo ''[[Il colore del sangue]]'' ([[2005]]). Per il Bif&st 2016 ha curato la pubblicazione del volume "[[Ettore Scola]]. Un tributo" con il sostegno di [[Siae|SIAE]] e un Dossier dedicato a [[Marcello Mastroianni]] con la collaborazione di [[Orsetta Gregoretti]].
 
==Curiosità==
96

contributi