Differenze tra le versioni di "Massimiliano I di Baviera (elettore)"

nessun oggetto della modifica
 
== Politica tedesca e guerra dei trent'anni ==
{{dx|[[File:Bavaria arms.jpg|thumb|Stemma di Massimiliano I, duca di Baviera.]]}}
Massimiliano non interferì nella politica tedesca fino al [[1607]], quando gli fu affidato il compito di eseguire il bando imperiale contro la città libera di [[Donauwörth]], una fortezza [[Protestantesimo|protestante]]. Nel [[1607]] occupò la città e furono intraprese azioni al fine di restaurare il [[Cattolicesimo]]. I sovrani protestanti, allarmati, formarono l'[[Unione evangelica|Unione protestante]] per difendere i loro interessi ed in risposta nel 1610 venne creata la [[Lega Cattolica (Germania)|Lega cattolica]], nella quale Massimiliano ebbe un ruolo importante.
 
Sotto il suo comando venne costituito un esercito, ma il suo ruolo era solamente difensivo e Massimiliano non accettò mai che la Lega diventasse uno strumento nelle mani degli [[Casa d'Asburgo|Asburgo]]. Dissensi interni nella Lega portarono Massimiliano a dimettersi nel [[1616]], ma due anni dopo vi ritornò.
 
[[File:Bavaria arms.jpg|thumb|Stemma di Massimiliano I, duca di Baviera.]]
 
Dopo aver rifiutato la candidatura al trono imperiale nel [[1619]], fu impegnato dallo scoppio della guerra in [[Boemia]]. Dopo qualche ritardo sottoscrisse un trattato con l'imperatore [[Ferdinando II d'Asburgo]] in ottobre, nel quale, in cambio di ampie concessioni, la Lega venne posta al servizio dell'imperatore. Fece un trattato di neutralità con l'Unione protestante e occupò l'[[Alta Austria|Austria Superiore]].
114 714

contributi