Qui pro quo: differenze tra le versioni

m (Aggiunto link.)
'''''QuiQuid pro quo''''' è una locuzione latina entrata nella lingua italiana dal francese. Il [[Vocabolario Treccani]] riferisce infatti che “il significato moderno è ripreso dal francese.” Il ''[[Trésor de la langue française]]'' inoltre precisa che le espressioni ''qui pro quod'', ''qui pro quo'' oppure ''quid pro quo'' venivano usate indifferentemente nella farmacologia medievale “per indicare la sostituzione di un medicamento al posto di un altro”<ref>{{Cita web|url=http://www.cnrtl.fr/definition/quiproquo|titolo=Quiproquo|sito=http://www.cnrtl.fr|editore=Centre National de Ressources Textuelles et Lexicales|lingua=fr|accesso=25 ottobre 2015}}</ref>.
 
Nell'italiano colloquiale e letterario, l'espressione è usata nel significato di "equivoco", "scambio di persona o cosa". L'espressione stessa fornisce un chiaro esempio di questo tipo di errori: ''qui pro quo'' significa, letteralmente, ''qui'' ([[pronome relativo]] nel caso [[nominativo]]) ''al posto di quo'' ([[ablativo]]). Secondo un'altra ricostruzione l'espressione verrebbe non da un errore di trascrizione, ma dalla presenza della forma arcaica di ablativo ''qui'', con valore strumentale, al posto del classico ''quo'', attestata anche nella forma ''quicum'' al posto di ''quocum''.<ref>Dizionario del Calonghi-Georges p 2227</ref>
Utente anonimo