Differenze tra le versioni di "Relazioni diplomatiche sino-romane"

[[File:Zhang Qian.jpg|Zhang Qian|thumb|upright=1.6|Il viaggio verso ovest di Zhang Qian. Caverne di Mogao]]
 
La tappa successiva avvenne intorno al [[130 a.C.]] con le ambasciate della dinastia [[Han]] verso l'Asia Centrale, a seguito dei rapporti dell'ambasciatore [[Zhang Qian]] (che originariamente - e inutilmente - era stato inviato a stipulare un'alleanza con gli [[Yuezhi]] contro gli [[Xiongnu]]). L'imperatore cinese [[Wudi]] era interessato allo sviluppo delle relazioni commerciali con le sofisticate civiltà urbane della [[Valle di Fergana|Ferghana]], della [[Battriana]] e della [[Impero partico|Partia]]. «''Il Figlio del Cielo, nell'udire tutto questo, così ragionò: “Ferghana ([[Dayuan]]) e le terre di Battriana ([[Da Xia|Daxia]]) e di Partia (Anxi) sono grandi stati, pieni di cose rare, le loro popolazioni abitano case ben ferme e sono occupate in attività in qualche modo identiche a quelle del popolo cinese, ma hanno eserciti deboli e tengono in gran conto i ricchi prodotti della Cina”''» (''Hou Hanshu'' ["Storia degli Han posteriori"]).
 
Conseguentemente i cinesi inviarono numerose ambascerie, ogni dieci anni circa, verso quegli stati e fino alla [[Siria]] dei [[Seleucidi]]. «''Così altre ambascerie vennero inviate verso Anxi'' [Partia]'', Yancai'' [Vaste Steppe, che più tardi sarà conosciuta come terra degli [[Alani]]]'', Lijian'' [Siria dei Seleucidi]'', Tiaozhi'' [Caldea] ''e Tianzhu 天竺'' [NordOvest dell'[[India]]]''. In genere vennero inviate più di dieci missioni all'anno e, nell'ultimo anno, almeno cinque o sei''» (''Hou Hanshu'' ["Storia degli Han posteriori"]).
 
La "Via della seta", venne a formarsi nel [[I secolo]] d.C., appunto in seguito ai tentativi cinesi di consolidare una comunicazione verso il mondo occidentale e l'India, sia attraverso contatti diretti nell'area del [[Tarim (fiume)|Tarim]], sia attraverso relazioni diplomatiche con le regioni del [[Dayuan]], i [[Parti]] e, più a ovest, i [[Battriani]].
Utente anonimo