Infiorescenza: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
[[File:Tros.jpg|thumb|upright=0.5|Esempio di infiorescenza: un [[racemo (botanica)|racemo]]]]
Una '''infiorescenza''' o '''inflorescenza''' (<span style="font-variant: small-caps">[[Linneo]]</span> ''inflorescentia'', derivato dal [[latino tardo]] ''inflorescĕre'' «fiorire»)<ref>[http://www.treccani.it/vocabolario/infiorescenza/ Voce del Dizionario Treccani Online]</ref> in [[botanica]] è un raggruppamento di rami che portano [[fiore delle angiosperme|fiori]], tipicamente osservabile nelle [[Angiosperme]].
 
==Descrizione==
 
Il fiore solitario rappresenta la condizione più semplice ed evolutivamente più antica, mentre con l'[[evoluzione]] si sono sviluppate le infiorescenze, composte da numerosi fiori. I vantaggi evolutivi delle infiorescenze sono sostanzialmente due: il primo è che esse sono più appariscenti ed attirano maggiormente gli [[insetti pronubi]]; il secondo è legato all'apertura scalare dei fiori dell'infiorescenza, che permette alla pianta di ricevere [[polline]] per un periodo maggiore.
Utente anonimo