Differenze tra le versioni di "Diocesi di Massimianopoli di Pamfilia"

nessun oggetto della modifica
m (→‎Fonti: clean up, replaced: Diocesi cattoliche soppresse della Turchia → Diocesi cattoliche della Turchia soppresse using AWB)
|istituita= [[1933]]
|vescovo= ''sede vacante''
|eretta= ?circa [[IV secolo]]
|soppressa=? circa [[XII secolo]]
|informazioni=
|regione=
|stato= [[Turchia]]
|chiesasuiiuris=[[Patriarcato ecumenico di Costantinopoli|Patriarcato di Costantinopoli]]
|suffraganeadi= [[arcidiocesiArcidiocesi di Perge|Perge]]
|mappa=
|ch= 2m57
}}
 
La '''diocesi di Massimianopoli di Pamfilia''' (in [[lingua latina|latino]]: ''Dioecesis Maximianopolitana in Pamphylia'') è una sede soppressa del [[Patriarcato ecumenico di Costantinopoli|patriarcato di Costantinopoli]] e una sede titolare della [[Chiesa cattolica]].
 
== Storia ==
Massimianopoli di Pamfilia, identificabile con ''Tefenni'' nell'odierna [[Turchia]], è un'antica sede episcopale della [[provincia romana]] della [[Panfilia|Panfilia Seconda]] nella [[Asia (diocesi)|diocesi civile di Asia]]. Faceva parte del [[Patriarcato ecumenico di Costantinopoli|patriarcato di Costantinopoli]] ed era [[Diocesi suffraganea|suffraganea]] dell'[[arcidiocesi di Perge]].
 
Benché menzionata nelle ''[[Notitia Episcopatuum|Notitiae Episcopatuum]]'' del patriarcato fino al [[XXII secolo]]<ref>HeinrichJean GelzerDarrouzès, [http://archivewww.orgscribd.com/streamdoc/abhandlungenbay06klasgoog#page268014527/n580/mode/1upJean-Darrouzes-Notitiae-Episcopatuum-Ecclesiae-Constantinopolitanae ''UngedruckteNotitiae undepiscopatuum ungenügendEcclesiae veröffentlichteConstantinopolitanae. Texte dercritique, Notitiaeintroduction episcopatuumet notes''], inParigi 1981: Abhandlungenindice der philosophisch-historische classe der bayerische Akademie der Wissenschaften, 1901, ppp. 541502, voce 402''Maximianoupolis, e p. 556, nº 459Pamphylia''.</ref>, sono noti due soli vescovi di Massimianopoli: Patrizio, che prese parte al [[Concilio di Nicea I|primo concilio ecumenico]] celebrato a [[Nicea]] nel [[325]];<ref>Destephen, ''Prosopographie du diocèse d'Asie'', pp. 759-760.</ref> e Teosebio, che sottoscrisse nel [[458]] la lettera dei vescovi della Panfilia Seconda all'[[Imperatori bizantini|imperatore]] [[Leone I il Trace|Leone I]] dopo la morte didel Proterio[[Patriarca di(cristianesimo)|patriarca]] [[PatriarcatoProterio di Alessandria|Alessandria]].<ref>Destephen, ''Prosopographie du diocèse d'Asie'', p. 922.</ref>
 
OggiDal [[1933]] Massimianopoli di Pamfilia sopravviveè annoverata tra comele [[sedeSede titolare|sedesedi vescovilevescovili titolaretitolari]] della [[Chiesa cattolica]]; finorail latitolo sedefinora non è mai statastato assegnataassegnato.
 
== Cronotassi dei vescovi greci ==
* Patrizio † (menzionato nel [[325]])
* Teosebio † (menzionato nel [[458]])
 
== Note ==
<references/>
 
== Fonti ==
*{{en}} [http://www.catholic-hierarchy.org/diocese/d2m57.html La sede titolare] nel sito di www.catholic-hierarchy.org
*{{en}} [http://www.gcatholic.org/dioceses/former/t1101.htm La sede titolare] nel sito di www.gcatholic.org
*{{la}} [[Pius Bonifacius Gams]], [httphttps://wwwarchive.wbc.poznan.plorg/stream/seriesepiscoporu00gamsuoft#page/450/dlibramode/doccontent?id=65154&dirids=11up ''Series episcoporum Ecclesiae Catholicae''], Leipzig 1931, p.&nbsp;450
*{{la}} Michel Lequien, [http://books.google.it/books?id=0agp0mJFG_sC&printsec=frontcover#v=onepage&q&f=false ''Oriens christianus in quatuor Patriarchatus digestus''], Parigi 1740, Tomo I, coll. 1021-1022
*{{fr}} Sylvain Destephen, [https://books.google.it/books?id=8rjYAAAAMAAJ&printsec=frontcover&hl=it#v=onepage&q&f=false ''Prosopographie chrétienne du Bas-Empire 3. Prosopographie du diocèse d'Asie (325-641)''], Paris 2008
 
{{Portale|diocesi}}