Differenze tra le versioni di "José de Ribas"

m
Bot: Aggiungo il tag <references /> mancante; modifiche estetiche
m (Bot: spazio unificatore unicode e modifiche minori)
m (Bot: Aggiungo il tag <references /> mancante; modifiche estetiche)
}}
 
== Biografia ==
José era il figlio di Miguel de Ribas y Buyens, discendente da una nobile famiglia catalana, e di sua moglie, Margaret Plunkett.
 
Suo padre, un ufficiale e membro della corte spagnola, si trasferì a [[Napoli]] al servizio di Carlo VII (il futuro [[Carlo III di Spagna]]), dopo la [[guerra di successione spagnola]].
 
== Carriera ==
Entrò nell'esercito napoletano all'età di 16 anni. A vent'anni, con il grado di maggiore dell'esercito, la sua vita prese una svolta: fu presentato a [[Livorno]] al conte [[Aleksej Grigor'evič Orlov]], fratello dell'amante dell'imperatrice [[Caterina II di Russia|Caterina la Grande]], [[Grigorij Grigor'evič Orlov]], che prese al suo servizio come assistente e interprete. Durante il suo viaggio in [[Russia]], prese parte alla [[Guerra russo-turca (1768-1774)]].
 
José de Ribas fu implicato nel complotto per assassinare l'imperatore Paolo, ma morì molti mesi prima dell'assassinio<ref>{{Cita libro|autore=|titolo=Notizie pei regni di Caterina II e Paolo Primo accompagnate da interessanti note|anno=1839|editore=Antonio Mugnoz|città=Velletri|p=51|pp=|ISBN=}}</ref>. Numerose fonti suggeriscono che sia stato avvelenato da uno dei cospiratori, il conte von Pahlen, per impedirgli di rivelare l'intrigo che si tesseva contro lo zar. Fu inumato al cimitero dei tedeschi a San Pietroburgo.
 
== Matrimonio ==
Sposò [[Anastasija Ivanovna Beckaja]] (1741-1822), figlia illegittima di [[Ivan Ivanovič Beckoj]]. Ebbero due figlie;
 
* Ekaterina Osipovna (1794-1827), sposò [[Mikhail Mikhailovich Dolgorukov]].
 
== Onorificenze ==
=== Onorificenze russe ===
{{Onorificenze
|immagine= OrderStGeorge3cl rib.png
|collegamento_onorificenza=Ordine di San Giovanni di Gerusalemme (Impero russo)
}}
 
== Note ==
<references />
 
== Bibliografia ==
494 564

contributi