Differenze tra le versioni di "Luigi Tadini"

== La fondazione del Museo ==
 
Dopo la morte del figlio Luigi Tadini si dedica prevalentemente ad arricchire la propria collezione d'arte, avviando la costituzione di un museo che trova la sua prima sedeallestito nelle sale di Palazzo Tadini a Crema.
LoNel troviamo1816 ancoraè trauno idei membri della commissione di cinque rappresentanti di Crema inviati a Milano per porgere l’omaggio della città all’Imperatore d’Austria [[Francesco II d'Asburgo-Lorena]] in occasione del passaggio della Lombardia al Regno Lombardo-Veneto nel 1816. In quella circostanza Tadini promuove la stesura della ''Storia di Crema'' con l'intento di offrirla all'imperatore, ma una serie di contrasti con i suoi concittadini lo spingerannospingono a lasciare la città per trasferirsi definitivamente a [[Lovere]].
D’accordo con la moglie, Luigi Tadini dispone che il proprio patrimonio e le proprie collezioni d’arte siano messe al servizio della comunità, con la creazione, a Lovere,fondazione dell’[[Accademia Tadini]] che comprende una Galleria, ospitata in un edificio di nuova fondazione affacciato sulle sponde del lago d'Iseo, e le scuole di musica e di disegno.
L'Istituto di belle arti Tadini è formalmente istituito il 12 maggio 1829.
 
== Opere ==
Utente anonimo