Differenze tra le versioni di "Palmarola"

901 byte aggiunti ,  3 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Bot: fix sezioni standard)
 
L'isola è una [[riserva naturale]] e, grazie al suo aspetto incontaminato e alla varietà delle sue coste, è considerata una tra le più belle isole del mondo. Abitata solo nel periodo estivo, diventa luogo di ritiro per i ponzesi che si rifugiano nelle case grotta, tipiche abitazioni scavate nella roccia di Palmarola.
 
L'abitudine di rifugiarsi nelle case-grotte é molto antica ed affonda le sue radici nella necessità di sfuggire ai pirati, durante il secolo XVIII.
In un testo dell'Accademia Pontaniana è ricordato che: "''Giovanni Tagliamonte di Ponza, morto in età di centotrè anni, andava spesso da Ponza a Palmarola e mi raccontò vari di simili scontri coi corsari accaduti a lui non meno che ad altri Ponzesi nei dintorni di quest’ isola. Egli aveva un antica grotta tagliata nella rupe per abitazione vicino al piccolo porto di Palmarola (oggi Grotta Tagliamonte) ma per paura dei pirati passava molte delle sue notti sulla montagna in qualche grotta senza far fuoco per non essere loro scoperto dal fumo."
 
== Bibliografia ==
* {{cita libro|titolo=Palmarola. Guida alle grotte sommerse|autore=Fabrizio Volterra|editore=Il Mare|città=|anno=2001|ISBN=978-88-85833-14-2}}
* Saggio di amor paterno e Cristiano, di A. Eichholzer, socio onorario dell’ accademia Ercolanese e dell’ accademia Pontaniana , editore stabilimento tipografico di G. Nobile in Napoli, 1855.
 
== Altri progetti ==
Utente anonimo