Biblioteca europea di informazione e cultura: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
(Modificati i testi)
mNessun oggetto della modifica
 
==Storia del progetto==
Il progetto per la realizzazione di una nuova grande biblioteca moderna per la [[Milano|città di Milano]], - sul modello di quelle create recentemente a Parigi, Monaco di Baviera, San Francisco e altrove, - nasce alla fine degli anni Novanta per iniziativa dell’Associazione “Milano Biblioteca del 2000”. <ref>''La Biblioteca europea di Milano, Vicende e traguardi di un Progetto,'' a cura di Antonio Padoa-schioppa, Milano Skira 2014    </ref> Con lo stanziamento di Fondazione Cariplo ed altre istituzioni viene redatto lo studio di fattibilità, relativo sia alla configurazione architettonica che a quella biblioteconomica.<ref>Giovanni Solimine, ''Il progetto delle collezioni della BEIC'', in ''Current issues in collection development: Italian and global perspectives'', ''aib.it'', Bologna, 18 febbraio 2005    </ref>
 
Nel 1999 il Progetto rientra nell'ambito di un Accordo di programma tra il Ministero dei Beni culturali, il Comune di Milano, la Regione Lombardia, l’Università degli Studi di Milano e il Politecnico di Milano. Il progetto prevede la creazione di "una grande biblioteca pubblica, capace di soddisfare i bisogni di informazione, divulgazione e cultura interdisciplinare di un'area metropolitana di oltre 7 milioni di cittadini, e che si proponga anche come luogo d'incontro e di socializzazione”.<ref>{{Cita web|url=http://www.aedon.mulino.it/archivio/1999/2/acc.htm|titolo=Intesa istituzionale di programma tra il governo della Repubblica e la giunta della regione Lombardia. Accordo di programma quadro in materia di beni culturali fra il ministero per i Beni e le Attività culturali e la regione Lombardia. 26 maggio 1999, in Aedon, 1999.}}</ref>
 
La Fondazione Beic, - partecipata dal Ministero dei Beni culturali, dal Miur, dal Comune di Milano, dalla Regione Lombardia, dal Politecnico e dalla Università statale di Milano, - ha preso avvio nel 2004 predisponendocon la messa punto del Progetto architettonico e dando vita ad una grade nuova  Bibliotecabiblioteca digitale. La Fondazione è presieduta dal prof. Antonio Padoa-Schioppa, promotore del Progetto Beic.
 
Nel Progettoprogetto la sede della nuova biblioteca è situata nell'area dell'[[Stazione di Milano Porta Vittoria (1911)|ex stazione ferroviaria di Porta Vittoria]], messa a disposizione dal Comune di Milano che la ha inserita nel proprio Piano regolatore (2001 e 2007). Lo studio Bolles & Wilson, vincitore del concorso internazionale di progettazione bandito dal Comune di Milano, ha predisposto il progetto architettonico definitivo e il progetto esecutivo validato dal Politecnico di Milano e approvato dal Consiglio dei lavori Pubblici nel marzo del 2009. La previsione di spesa per i lavori, gli arredi e gli oneri per la sicurezza ammontava a152 milioni di euro. <ref>BEIC, progetto esecutivo 2011 (PDF), ''beic.it''    </ref>
 
Nel 2012, in attesa dei finanziamenti richiesti al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, si è inoltre formulata un’ipotesi alternativa tale da poter eventualmente ridurre le superfici e conseguentemente i costi di costruzione.
19

contributi