Differenze tra le versioni di "Joseph von Sonnenfels"

m
nessun oggetto della modifica
m (Fix tmpl)
m
|Nazionalità = austriaco
|PostNazionalità = e stimato consigliere presso i sovrani austriaci [[Giuseppe II d'Asburgo-Lorena|Giuseppe II]] e [[Maria Teresa d'Austria]]
|Immagine=Joseph von Sonnenfels.jpg
[[File:Joseph von Sonnenfels.jpg|miniatura|destra|Didascalia=Joseph von Sonnenfels in una stampa d'epoca]]
}}
 
[[File:Joseph von Sonnenfels.jpg|miniatura|destra|Joseph von Sonnenfels in una stampa d'epoca]]
Di [[Ebrei|origini ebraiche]], fu battezzato da bambino (assieme a suo fratello) allorché anche il padre si convertì al cristianesimo; si laureò in legge all'[[università di Vienna]], dove poi ottenne una cattedra in scienze politiche<ref name="Venturi1">Nota di Franco Venturi a Joseph von Sonnenfels, ''Supplica apologetica a S.M.I.R.A.'', in: Cesare Beccaria, ''Dei delitti e delle pene. Con una raccolta di lettere e documenti relativi alla nascita dell'opera e alla sua fortuna nell'Europa del Settecento'', a cura di Franco Venturi, Einaudi, Torino 1965, pag. 580 n.</ref>.
 
Il trattato di Sonnenfels fu alla base del procedimento di riforma delle leggi penali, che sfociò nel codice penale emanato dall'imperatore Giuseppe II il 13 gennaio 1787; con questo codice la tortura e la pena di morte furono abolite, e ciò fece dell'Impero asburgico il secondo Stato in Europa (dopo il [[Granducato di Toscana]]) ad abolire la pena di morte<ref name="Venturi2"/>.
 
[[File:Sonnenfels.Rathausplatz.Wien.JPG|miniatura|sinistra|upright|Statua di Joseph von Sonnenfels nella piazza del municipio di Vienna]]
 
Sonnenfels è membro di [[Loggia massonica|logge massoniche]] a [[Lipsia]] e poi a Vienna. Nel 1784 è eletto Gran Maestro. È anche membro degli [[Illuminati di Baviera]].
64 266

contributi