Differenze tra le versioni di "Interferenti endocrini"

ripetizioni
m (data)
(ripetizioni)
==Descrizione==
 
In genere sono in grado di legarsi come [[agonista (biochimica)|agonisti]] o [[antagonista (biochimica)|antagonisti]] ai [[recettore (biochimica)|recettori]] di vari [[ormone|ormoni]], ad esempio ai recettori degli [[ormone steroideo|ormoni steroidei]] o degli [[Ormone#Ormoni derivati da amminoacidi|ormoni tiroidei]], o eventualmente interferire in vario modo e tramite differenti meccanismi, con sintesi, secrezione, trasporto, legame, azione, ed eliminazione degli stessi negli organismi viventi.
 
Alcuni di questi composti possono provocare gravi danni agli organismi esposti, spesso non immediatamente percepibili in quanto a dosi minime non esprimenti effetti di tossicità acuta, e possono, nel caso di vaste esposizioni ambientali, produrre effetti a livello di popolazione con ripercussioni a livello ecologico. Queste interferenze possono provocare tumori, difetti alla nascita, e altri disturbi dello sviluppo..{{cn}} In particolare, sono noti per causare difficoltà di apprendimento, grave disturbo da deficit di attenzione, problemi cognitivi e di sviluppo del cervello, deformazioni del corpo, problemi di sviluppo sessuale, femminilizzanti di maschi o effetti maschili sulle femmine..{{cn}}
 
Fra queste sostanze si ricordano: idrocarburi policiclici aromatici, [[benzene]], [[diossina]], [[ftalato]], [[perfluorato]], [[bisfenolo A]] (e [[octilfenolo]] e [[nonifenolo]]).
 
Gli interferenti endocrini sono sostanze che possono interferire con la sintesi, la secrezione, il trasporto, l'associazione, l'azione, o l'eliminazione degli ormoni naturali del corpo, responsabili dello sviluppo, del comportamento, della fertilità, e del mantenimento dell'omeostasi cellulare. Sono a volte indicati anche come '''agenti ad azione ormonale''', o composti alteranti il sistema endocrino; in letteratura scientifica prevalgono i termini inglesi '''''endocrine disruptor, hormonally active agents, endocrine disrupting chemicals, endocrine disrupting compounds (EDCs)'''''.
 
Fra queste sostanze si ricordano: idrocarburi policiclici aromatici, [[benzene]], [[diossina]], [[ftalato]], [[perfluorato]], [[bisfenolo A]] (e [[octilfenolo]] e [[nonifenolo]]).
 
Alcune di queste sostanze possono trovarsi come pollutanti ambientali, ad esempio molti [[:Categoria:Alogenuri organici|alogenuri organici]] come i [[Policlorobifenili|PCB]] e simili molecole appartenenti alla classe ambientale degli [[inquinante organico persistente|inquinanti organici persistenti]], come costituenti naturali di alcuni cibi, ad esempio i [[fitoestrogeni]] contenuti nella soia, oppure essere presenti come [[Contaminanti chimici|contaminanti]], ad esempio il [[bisfenolo A]] derivato dalle [[plastiche]] o diversi tipi di [[prodotto fitosanitario|fitofarmaci]]. Una classe importante di interferenti appartiene a composti clorurati di varie classi, spesso veicolati in atmosfera su lunghe distanze, ed un'altra si riferisce a composti fenolici.