Differenze tra le versioni di "Le piante di Roma"

aggiunto testo, per eseguire la richiesta di precisazioni sul contenuto dell'opera libraria.
(+ chiarire)
(aggiunto testo, per eseguire la richiesta di precisazioni sul contenuto dell'opera libraria.)
|seguito =
}}
{{chiarire|L'opera libraria, in tre volumi in-folio, '''''Le piante di Roma''''', curata da monsignor [[Amato Pietro Frutaz]], è stata promossa dall'[[Istituto Nazionale di Studi Romani]]. Ha contribuito la [[Società Generale Immobiliare]], a celebrazione del suo primo centenario di attività.|manca laIl definizioneI volume contiene una ampia descrizione delle tavole, corredata da bibliografia. Nel II e nel III volume sono contenute le riproduzioni, in scala o a grandezza naturale, delle 245 piante di cosaRoma siaprese l'opera|}}in considerazione.
 
== Storia ==
 
== Descrizione ==
245 sono le piante esaminate e riprodotte (in realtà sono 267, poiché alcune, per ragioni tecniche, sono state considerate sotto lo stesso numero). La topografia della città di Roma, nell'anno 1962, riusultavaera già stata trattata in precedenza, nel volume XXII, promosso dall'Istituto Nazionale di Studi Romani, sotto il titolo ''Topografia e urbanistica di Roma''.<ref>{{cita testo |autore=Ferdinando Castagnoli |titolo=Topografia e urbanistica di Roma |data=1958 |editore=Cappelli |città=Bologna|SBN =IT\ICCU\MIL\0028321}}</ref>
 
* {{cita testo |curatore=Amato Pietro Frutaz |titolo=Le piante di Roma |data=1962 |editore=Tip. L. Salomone e A. Staderini |città=Roma|SBN =IT\ICCU\SBL\0253082}} 38 cm
* Volume 1: ''Testo'', 355 p.
* Volume 2: ''Tavole: Dal secolo 3. d.C. all'anno 1625'', 322 c. di tav., ill.